"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi

"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi
"Il bruco" (2017). Nikon Coolpix P900. Foto macro.

martedì 28 febbraio 2017

Paginatre. 71 “Il più grande errore di Cristo”.



Da “Il più grande errore di Cristo: provare a essere un uomo” di Massimo Fini, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 24 di febbraio 2017: E il Figlio disse al Padre. “Papà vorrei scendere un po’ sulla Terra”. Dio corrugò la fronte. Era da un po’ di tempo che quel figliolo lo preoccupava. Niente di grave in verità. Nulla a che vedere con la rivolta di Lucifero, quel campione di superbia, ammalato di SuperEgo, che aveva osato dire “meglio essere primi in Inferno che in Ciel servire”. (…). No, da suo Figlio non c’era da temere nulla del genere. Era dolce, affettuoso, accuditivo (cosa che era diventata importante adesso che Lui veniva vecchio. Addirittura laggiù sulla Terra qualche devoto lo raffigurava con una lunga barba bianca, cosa che gli seccava moltissimo). Era solo un po’ irrequieto quel suo figliolo, attraversava l’età dell’adolescenza. Ma la sua contestazione era soft. “Perché vuoi scendere sulla Terra, figliolo?”. “Papà qui mi annoio un po’. Siamo solo in tre, tutti maschi per giunta. E poi, lo dico col massimo rispetto, quello Spirito Santo è veramente insopportabile. E’ troppo astratto e non si possono mai fare quattro chiacchiere alla buona. Qualche volta scendo le scale e vado giù a giocare a calcio con i Cherubini e i Serafini. Ma vince sempre la squadra dove ci sono io. E ho il sospetto che mi facciano vincere apposta per evitare qualche ritorsione. Anche se Noi, lo dovrebbero sapere, non siamo punitivi come quei nostri vicini, come si chiamano, ah sì gli Jahvè. Insomma per dirtela tutta, Padre, vorrei farmi qualche scopatina. Con le Sante non c’è niente da fare, sono quasi tutte vergini e anche quelle che non lo sono hanno in testa il dovere della castità. E poi non posso essere proprio io a dare il cattivo esempio dopo che da duemila anni facciamo professione di sessismo. Addirittura qualche tempo fa un tuo Vicario in terra, non mi ricordo più come si chiama, so però che è finito all’Inferno perché si è scoperto che non credeva in Te, aveva messo nella sua location, come simbolo del Male, la fotografia di quella bellissima, carinissima, ingenuamente maliziosa, deliziosa ragazza, te la ricorderai sicuramente anche Tu, BB, Brigitte Bardot. Un vero bijoux. Un eccesso di zelo se mi consenti, pardon se mi permetti, Padre”.

lunedì 27 febbraio 2017

Scriptamanent. 74 “Riscoprire le radici”.



Da “Riscoprire le radici per vincere il fatalismo” di Giovanni Valentini, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 27 di febbraio dell’anno 2015: Siamo, da secoli, un popolo di guelfi e ghibellini. Ma rischiamo ormai di diventare un popolo di "gufi" e "rosiconi", per usare una terminologia abituale al nostro presidente del Consiglio. Un Paese che ha scarsa considerazione di se stesso: anzi, per stare alle ultime statistiche, quello più pessimista del mondo, con la più bassa autostima in assoluto. Noi italiani non ci piaciamo e non ci vogliamo bene. E il peggio è che ci piaciamo anche meno di quanto piaciamo agli stranieri. I dati e le tabelle forniti dalla ricerca del "Reputation Institute" per il 2014 riflettono un'Italia sfiduciata e smarrita, priva di un'identità forte, insicura. Quel grafico che relega il nostro Paese all'ultimo posto nella graduatoria mondiale della "self confidence", per cui registriamo il gap più negativo fra la reputazione esterna e quella interna, raffigura — come un elettroencefalogramma piatto — la crisi esistenziale che affligge oggi gli italiani. Quasi una sindrome collettiva di rassegnazione e disorientamento, al limite della disperazione sociale. L'Italia rappresentata da quell'inquietante meno 15,2 (indice negativo della differenza fra come ci reputano gli altri e come noi reputiamo noi stessi), è un Paese che si sente senza orizzonte e senza futuro. Certo, il disfattismo nazionale è una tara ereditaria che deriva dal nostro dna, dal nostro codice genetico. Ma la fiducia — al pari del coraggio di manzoniana memoria — se un popolo non ce l'ha, non se la può dare improvvisamente: è proprio un deficit, una carenza organica di (…) «coesione, forza e volontà collettiva» (…). Il fatto è che nel sistema circolatorio di questa Italia contemporanea, più le distanze aumentano invece di ridursi, più si propaga — come in un contagio virale — un senso diffuso d'ingiustizia sociale. E quindi, di frustrazione diffusa. Ne deriva il ribellismo latente che coinvolge in particolare le generazioni più giovani, a cui la società adulta non ha saputo offrire risorse e prospettive. Occorre, a questo punto, una scossa. Uno choc salutare, un trauma positivo. O magari, un soprassalto virtuoso d'impegno e di responsabilità. Toccherebbe innanzitutto alla politica produrre quella «svolta buona» (…). Ma, per parafrasare il titolo di una trasmissione televisiva di successo, la politica siamo noi. E allora anche la società civile, o più spesso incivile, deve fare la sua parte: emendarsi dai propri vizi e difetti; rinunciare ai privilegi e ai corporativismi; affrancarsi magari da evasione, corruzione, abusivismo, truffe, inganni e raggiri. Non è solo una questione d'immagine o di reputazione, dunque. È una questione più profonda d'identità, di fierezza, di orgoglio nazionale. Per stimare di più noi stessi e il nostro Paese, dobbiamo ritrovare il senso d'appartenenza, riscoprire le nostre radici.

domenica 26 febbraio 2017

Scriptamanent. 73 “La nuova solitudine repubblicana”.



Da “Il populismo d'Occidente che cancella i moderati” di Ezio Mauro, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 26 di febbraio dell’anno 2016: (…). Scopriamo improvvisamente, in questi ultimi anni, che il meccanismo democratico da solo non ci protegge. Anzi, potremmo dire che la scoperta è più radicale: la democrazia non basta a se stessa. Nasce il disincanto della rappresentanza, la nuova solitudine repubblicana. Tutto diventa fragile e transitorio, nulla merita un investimento a lungo termine, dunque la stessa politica tradizionale finisce fuorigioco perché cerchiamo risposte individuali a problemi collettivi. C'è un elemento in più. Prima della crisi il ceto medio emergente aveva tentato di diventare soggetto politico mettendosi in proprio, autonomizzandosi sia dalla grande borghesia che dal proletariato: in Italia questa avventura aveva avuto come demiurgo Berlusconi con la promessa di uno Stato più leggero, di una forte riduzione delle tasse, di un sovvertimento della classe dirigente. Il fallimento del progetto berlusconiano - che non aveva evidentemente nulla di moderato e ben poco di conservatore - e il gelo della crisi hanno frustrato due volte questo tentativo di emancipazione di soggetti sociali che perdono la speranza di produrre politica direttamente dai loro interessi legittimi, si proletarizzano per le difficoltà finanziarie e ripiegano sconfitti in quella che De Rita chiama la "grande bolla" del ceto medio. L'esito di questi percorsi collettivi è il riflusso da ogni discorso pubblico o appunto la ribellione, l'antipolitica. Nella convinzione che il cittadino possa disinteressarsi dello Stato, senza accorgersi che nello stesso tempo lo Stato si disinteressa di lui, perché quando la sua libertà non si combina con quella degli altri e l'esercizio dei suoi diritti resta soltanto individuale, lui diventa un'unità anonima da rilevare nei sondaggi, realizzando la vera solitudine dei numeri primi. Si capisce che a questo crocevia tra la solitudine e la ribellione stia accampato il populismo, interessato ad entrambe. Tutti diversi tra loro, i leader radicali hanno un tratto in comune: propongono soluzioni semplici a problemi complessi (il "puerilismo", lo chiamava Huizinga) danno sempre la colpa ad un nemico esterno, attaccano un potere gigantesco e indefinito, berciano sulle élites, si rinchiudono nell'ossessione territoriale, immaginano complotti perché investono su un indebolimento dello spirito critico a vantaggio di una visione mitologica dell'avventura presente. I problemi veri - il lavoro che manca, la crescita che arranca, Daesh che uccide - vengono evocati e cavalcati, ma in forma fantasmatica, all'insegna di una sfiducia perenne nei confronti delle istituzioni e della stessa democrazia. (…). È la ricetta semplice e forte del fondamentalismo che negando valore ad ogni teoria divergente o preesistente costruisce quel senso di falsa sicurezza tipico di chi vive murato all'interno delle fortezze, pensando - come spiega Bauman - di tagliare fuori così "il caos che regna all'esterno". È il destino della destra italiana che spento il fuoco pirotecnico del berlusconismo consegna le sue ceneri a Salvini, rassegnandosi dopo il titanismo del Cavaliere all'imitazione da Asterix padano del lepenismo. (…).

sabato 25 febbraio 2017

Scriptamanent. 72 “Se Renzi rilegge Bobbio”.



Da “Se Renzi rilegge Bobbio” di Nadia Urbinati,  pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 25 di febbraio dell’anno 2014: (…). La revisione di Renzi è molto decisa e tranchant, agilissima e dotata di potenti forbici che tagliano via complessità ostiche e qualche secolo e diversi decenni di storia sociale. (…). Destra e sinistra, scrive Renzi, non sono più coincidenti con la libertà individualista in un caso e la libertà che riposa su premesse di eguaglianza nell`altro. Questa dicotomia bobbiana, spiega, apparteneva a un mondo in cui le menti e le idee si situavano in blocchi e classi. Oggi c`è più complessità e quelle due grandi idee, messe in quella relazione, non servono a orientarci né nel giudizio né nella scelta. Sembra quasi che il liberismo stesso come ideologia appartenga a un tempo passato, che sia stato il marchio degli anni di Margaret Thatcher e di Ronald Reagan; un residuo (come anche il suo nemico principale, il comunismo) del tempo in cui Bobbio formulò la diade destra/sinistra. Oggi il liberismo è nelle cose, non più solo un`ideologia. La nuova sinistra deve partire di qui, da quel che c`è per andare avanti: e quel che c`è è appunto il lascito liberista dal quale non si può prescindere. Ecco perché la dicotomia di Bobbio è passé. Il lascito non è fatto di classi o di "blocchi" ma di individui distribuiti sulla scala sociale. (…).

venerdì 24 febbraio 2017

Scriptamanent. 71 “Un giorno col premier (e con la stampa serva)”.



Da “Un giorno col premier (e con la stampa serva)” di Maurizio Chierici, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 24 di febbraio dell’anno 2015: (…). Inutile rifugiarsi nei Tg per sapere cosa davvero succede: Renzi salta da un notiziario all’altro: promesse, promesse. Noi giornalisti siamo davvero innocenti se l’Italia è ridotta così? Bisogna capire che gli editori impuri di giornali e Tv fanno girare gli affari nelle poltrone della politica. E “l’informare” si trasforma nel “formare”, quindi disegnare scenari indispensabili al tornaconto di chi decide. E che magari domani sparisce ma la cultura dell’inganno ha radici profonde: complicato tagliarle. I giornalisti devono scegliere. Arruolarsi nei battaglioni embedded degli editori sincronizzati con qualsiasi potere, quindi scrivere o recitare talk show come marionette appese ai fili modello Santanchè improvvisando ravvedimenti appena l’impero traballa. Come le ragazze di piccola virtù, impossibile sopravvivere senza protettori: a quali porte busseranno le Betulle cresciute nei giardini di Arcore? Oppure rassegnarsi alla precarietà di chi non sopporta l’ipocrisia. Gran parte dei cronisti sfugge le tentazioni che avvelenano il mestiere anche se consapevoli che il raccontare proprio tutto può diventare esercizio pericoloso soprattutto nelle province dove il rapporto proprietà-cronaca soffoca l’informazione nelle ragnatele locali. Ecco il silenzio che imbroglia la gente. L’Italia è scivolata al 73° posto nella classifica dei Paesi dalla normale libertà di stampa: 1515 giornalisti minacciati, 276 denunce intimidatorie. Quando un cronista va in tribunale con la prospettiva di bruciare 10 anni di stipendio mai più frugherà fra le immondizie dei padroni del vapore. Anche gli Stati Uniti non brillano, 49° posto con una differenza: per garantire la credibilità dei giornalisti, lettori ed editori, si affidano a ricerche sconosciute alle nostre abitudini. Dieci giorni fa, Brian Williams, conduttore principe di Night News, viene sospeso dalla Nbc, pagherà 5 milioni di dollari “per aver mentito ai telespettatori”: inchiesta periodica The Marketing Arma’s. Era fra “le 25 persone più credibili degli Stati Uniti”; precipita all’ 835° posto. Non per piaggeria mediterranea, innocenti vanità. Reportage in elicottero nelle zone di guerra, inventa l’aereo “nemico”che gli spara addosso e la curiosità di chi tutela la trasparenza smaschera altre bugie. Se oltre all’audience misurassimo la credibilità delle farfalle che svolazzano nei giardini dei poteri, quanti embedded lascerebbero il posto ai ragazzi in fila per fare la cronaca. Lunedì mattina: tanto per non lasciarlo solo, lampi Tv del Renzi che telefona a Bruxelles. Spunta il sole, ma di quale avvenire?

giovedì 23 febbraio 2017

Sfogliature. 73 “Derivati, future e M. Pierre-Joseph Proudhon”.



La “sfogliatura” proposta è del 22 di maggio dell’anno 2010, un giorno che era di sabato. Al tempo si era appena imboccato il tunnel della “crisi” che i più attenti e smaliziati osservatori andavano definendo essere la perfetta “stagnazione secolare”. Donde gli immancabili epiteti a loro indirizzo da parte dei solerti turiferari del potere economico-politico. Da quel 22 di maggio ci si ritrova oggigiorno in quell’inestricabile groviglio che avvolge nelle sue “spire” soprattutto le giovani generazioni. Scrivevo: Ha senso avere nostalgia per un’epoca storica lontana assai? Per un’epoca storica della quale non si ha l’esatta percezione dello stato delle cose, materiali ed immateriali, esistenti in essa? Credo che possa accadere d'avere nostalgia per un’epoca passata. Accade a chi s’innamori perdutamente del medioevo, a chi si innamori del rinascimento, e così via dicendo. A me è insorta una nostalgia forte per l’età della storia che aveva al centro dei suoi interessi materiali il baratto. Ho parlato di un’età, che sarà – non sono uno storico - cosa ben diversa da un’epoca della storia. Un’epoca storica penso sia cosa ben distinta e definibile, un’età della storia è quasi incerta, non ha limiti in basso ed in alto. Sì, dicevo, mi sono innamorato dell’età del baratto. Io do, o davo, una cosa a te, tu dai, o davi, una cosa a me. Cosa c’è di più certo, razionale e sostanziale al contempo? E penso che questa nostalgia per l’età del baratto mi sia insorta per una forma di ripulsa ossessiva per tutto ciò che oggigiorno avviene nel mondo della finanza da profittatori, che ha svuotato, dall’interno, come il peggiore dei parassiti, l’economia reale, quella dei fatti e delle cose concrete create e prodotte. Il cosiddetto “capitalismo finanziario” che si è letteralmente mangiato il cosiddetto “capitalismo manifatturiero”. Non ne posso più di sentir parlare dei “derivati”, dei “future”, di cose sfuggevoli così, impalpabili, evanescenti, che non arrecano sollievo alcuno alle masse più o meno indigenti che popolano il pianeta Terra. Giovevoli solo ad una ristretta cricca di profittatori. Cosa ci capisce l’uomo della strada, o di internet perbacco, dell’attuale crisi finanziaria che si è globalizzata a tal punto e della quale sembra non potersi avere una idea chicchessia di una uscita? E di questa invenzione di moneta che, in caso di crisi profonda dei mercati, non si stampa più ma che al contempo, il solo parlarne, crea o non crea maggiore o minore fiducia nei mercati dell’intero mondo? Abbiamo bisogno di cose concrete. Non se ne può più di intrallazzi vari. Sarà la limitatezza mia, ma un ritorno all’economia delle cose, degli oggetti, al mondo della produzione e degli operai in carne ed ossa, al loro riconoscersi in una classe sociale ben definita, sarebbe il modo più semplice per ridare un ruolo a tutti noi, condannati a consumare senza sosta e senza un perché. Non ho la competenza per affermare che all’età del baratto si sia, in seguito, sostituita l’età degli scambi impari, ovvero tra e con oggetti o beni diversi. Io do una cosa reale a te, una zucca, una ciabatta, un pezzo di pane, e così via dicendo, e tu in cambio mi dai l’equivalente in sale, per esempio, o in conchiglie raccolte sulla spiaggia del mare, o in pezzi di metallo vilmente lavorato. È così che è avvenuto? Dal baratto, allo scambio con cose che pur se materiali afferiscono a quella idea che ha portato presto alle monete, al vil danaro? E quante conchiglie saranno state necessarie per una zucca? E quanti pezzi di metallo per un cetriolo succulento? A quell’età, forse, non si era pervenuti ancora alla formulazione di quell’idea rivoluzionaria ed insensata, insensata per i furbi di tutte le epoche storiche, che “la proprietà è furto”. Ci avrebbe pensato un tale a nome Pierre-Joseph Proudhon. Ma tanto tempo dopo. E molto prima assai dei “derivati” e dei “future”. Di questo mio stato ansioso, incline alla nostalgia per il ritorno ad epoche storiche più che oscure, stato ansioso strettamente personale e che spero universalmente non condiviso da nessun altro essere pensante che sia, ne ha scritto, senza averne nozione alcuna, nella massima Sua solitudine, Massimo Fini su “il Fatto Quotidiano”. Titolo della Sua riflessione: “La crisi e il denaro fantasma”. La trascrivo di seguito in parte:

martedì 21 febbraio 2017

Scriptamanent. 70 “Elogio della frugalità”.



Da “Elogio della frugalità” di Paolo Legrenzi, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 21 di febbraio dell’anno 2014: 1. La frugalità non è la povertà. È una scelta, non una costrizione. Se si sembra frugali perché si è poveri, in realtà non si è frugali. Oggi, in Italia i poveri sono circa cinque milioni. Si tratta di persone che l’Istat, nel suo rapporto, classifica come «poveri assoluti». Si potrebbe pensare che, in una società ricca, gli «assolutamente poveri» diminuiscano. E invece aumentano. Dal 5,7 per cento delle famiglie assolutamente povere del 2011 siamo passati all’8 per cento delle famiglie del 2012.

lunedì 20 febbraio 2017

Primapagina. 29 “Come ti rottamo il Pd”.



Da “Caro Pd, ascoltare la base non si fa più?” di Antonio Padellaro, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 15 di febbraio 2017:  (…). Ora, nella discussione nel partito di maggioranza relativa, tutta quanta di ceto politico, nessuno si preoccupa degli 8 milioni 644mila elettori che nelle ultime politiche del 2013 votarono Pd. O dei 2 milioni e 800mila cittadini che parteciparono alle primarie vinte da Renzi. O dei circa 380mila iscritti al partito del 2016 (previsti in calo nell’anno in corso). L’opinione di quella che una volta era definita con un certo rispetto “la Base” appare (e non da oggi) del tutto irrilevante (…). Potrebbero sembrare osservazioni passatiste e abbastanza patetiche se il cosiddetto “populismo” non fosse continuamente evocato da astrattisti e surrealisti come il pericolo mortale per le democrazie e anzi la negazione stessa della civiltà. Eppure per comprendere da dove scaturisca l’energia che muove la nuova barbarie basterebbe riascoltare Donald Trump, il più barbaro di tutti, nel suo discorso d’insediamento alla Casa Bianca là dove egli dice: “Oggi trasferiamo il potere da Washingon D.C. restituendolo al popolo”. Detto fatto poiché l’orrendo pupazzo dai capelli gialli ha nei primi dieci giorni della sua presidenza cominciato a mantenere le principali orrende promesse fatte ai suoi elettori: dal muro col Messico allo stop immigrazione. E se giudici e messicani non sono d’accordo, ciò non fa che rafforzare il rapporto sentimentale tra The Donald e i suoi elettori, i quali possono dire: lui sì che mantiene gli impegni, sono quegli altri a non volere il bene dell’America. Vedrete, lo stesso farà l’orrenda Le Pen se dovesse vincere le presidenziali in Francia con l’uscita dall’Euro e le frontiere sigillate. Così la premier Teresa May (che populista non è) ha subito avviato l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue come chiesto, pensate un po’, dalla maggioranza degli elettori. Dunque, battere il cosiddetto “populismo” si può: basta non tradire gli impegni presi con il popolo, non dimenticarsi di essi già il giorno dopo la proclamazione dei risultati. Tornando in Italia per rispettare il volere degli elettori sarebbe stato sufficiente, per esempio non archiviare il plebiscito del 4 dicembre tra le varie ed eventuali. Con la beffa del governo fotocopia Gentiloni composto dagli stessi medesimi ministri renziani non meno coinvolti nella solenne bocciatura popolare. Fregarsene allegramente di chi ti ha dato fiducia non è mai gratis e il conto salato il Pd aveva cominciato a pagarlo con le amministrative della scorsa estate. Come reagirebbe adesso una Base mai consultata se messa di fronte a una rottura traumatica appresa dai giornali? Al di là dei calcoli di bottega i due Pd frutto dell’eventuale scissione difficilmente saranno la somma aritmetica dei consensi raccolti dall’attuale partito. La storia politica italiana insegna che quasi sempre una forza si scinde in due debolezze. Voti smarriti che gioveranno soprattutto ai 5Stelle, cioè proprio a quei populisti brutti e cattivi contro cui il Pd (…) chiede la chiamata alle armi. Si chiama eterogenesi dei fini. Ma anche suicidio.

domenica 19 febbraio 2017

Paginatre. 70 “Se Vi sembra troppo (o poco) un anno senza Eco”.



19 di febbraio 2016-19 di febbraio 2017: un anno passato senza Umberto Eco. Da “Spari con ricevuta di ritorno” (2002) di Umberto Eco in “Pape Satàn Aleppe” – “La nave di Teseo editrice” (2016), pagg. 469 € 20 – alle pagine 433/436: Il mondo è diventato una faccenda troppo complicata per lasciarlo governare a chi lo governava prima. Un vecchio detto recitava che la guerra è una cosa troppo seria per lasciarla fare ai militari. Oggi andrebbe aggiornato: il mondo è diventato una faccenda troppo complicata per lasciarlo governare a chi lo governava prima. Come se avessero affidato il progetto Manhattan per la bomba atomica agli esperti del traforo del Cenisio. Pensavo a queste cose due settimane fa a Washington proprio mentre stava ancora circolando lo “sniper”, il famoso cecchino che fulminava allegramente le persone che si fermavano dal benzinaio o uscivano dal ristorante. Lui stava in alto, con fucile telescopico e, da qualche snodo di autostrada o collinetta tranquilla, faceva il suo lavoro. A vittima morta, e solo dopo avere ricevuto una segnalazione, la polizia arrivava e bloccava le strade per due o tre ore, senza ovviamente trovare nessuno perché il cecchino aveva avuto tutto il tempo per spostarsi altrove. Così per giorni la gente non usciva più di casa e non mandava i bambini a scuola.  Naturalmente c’è stato chi ha avvertito che questo succede perché c’è il libero commercio delle armi, ma le lobby degli armaioli hanno risposto che la questione non è avere un’arma bensì usarla bene. Come se usarla per ammazzare non fosse appunto usarla benissimo. Forse la gente compera di solito un fucile per farsi il clistere? Il cecchino di Washington lo hanno poi preso solo perché ha fatto apposta a seminare tracce dappertutto - alla fin fine gente del genere vuole solo apparire sui giornali. Ma uno che non avesse voluto farsi prendere avrebbe potuto continuare sino ad ammazzare più gente di quelle faticosamente massacrate alle Twin Towers. Per questo l’America stava coi nervi tesi e ci sta ancora: perché capiva che se un’organizzazione terroristica, invece di perdere tempo a sequestrare aerei, facesse circolare per l’intera nazione una trentina di cecchini, potrebbe paralizzare il paese. Non solo, scatenerebbe una gara d’emulazione in tutti coloro che terroristi non sono ma matti sì, e si unirebbero con gioia alla festa. Cosa hanno proposto alcuni di coloro che evidentemente non sono più in grado di reggere il mondo? Di fabbricare armi che “firmano” automaticamente la pallottola e il bossolo, in modo che estraendo il proiettile dal corpo dell’ucciso si abbia praticamente l’indirizzo dell’assassino. Non hanno pensato che se voglio ammazzare qualcuno non uso il mio fucile ma quello rubato a qualcun altro, così oltretutto faccio andare in galera lui; e che se sono un terrorista conosco i contatti giusti per avere un’arma rubata, o col codice alterato, o di fabbricazione non americana. Non capisco perché queste cose vengono in mente a me e non agli esperti della sicurezza. Ma fosse solo questo. Su “Repubblica” dell’8 novembre scorso leggo che, preoccupati dalla deflazione (la gente compera poco, i prezzi scendono, e siamo a una crisi peggiore di quelle inflattive) quelli della Federal Reserve (e dunque non dei ragazzini qualsiasi) propongono il dollaro deperibile - e cioè una moneta con una banda magnetica che gli fa perdere progressivamente valore se uno non la spende presto (e perde valore anche se la si tiene in banca). Cerco d’immaginarmi cosa farebbe il signor Smith, idraulico, che lavorando come un matto riesce a guadagnare cento dollari al giorno. Anzitutto diminuirebbe la sua produttività. Perché ammazzarsi di lavoro per guadagnare qualcosa che dopo un certo tempo non vale più nulla, e non può neppure mettere sul libretto di risparmio per comperarsi una casetta? Lavorerà solo quel tanto che gli procuri quei trenta dollari al giorno per comperarsi birra e bistecche. Oppure potrebbe investire ogni giorno i suoi cento dollari in spese inutili, magliette, barattoli di marmellata, matite, dopodiché inizierebbe un’economia di baratto, tre vasetti di marmellata per una maglietta, ma alla fine la gente dovrebbe accumulare in casa un sacco di roba inutile, mentre la moneta non circola quasi più. Ancora, il signor Smith potrebbe comperarsi la casetta, ma a rateazioni lunghissime, ogni volta che gli bruciano in mano cento dollari li manda a chi gli ha venduto la casa. Però non solo a quel punto la casa, con interessi e tutto, costerebbe dieci volte tanto, ma perché il primo possessore dovrebbe venderla, visto che rimarrebbe senza casa e con una pioggia di dollari che deve spendere tutti a mano a mano che gli arrivano? E via al blocco del mercato edilizio, chi ha una casa se la tiene. Per finire, visto che la moneta si deprezza anche a risparmiarla, chi andrà più a mettere soldi in banca? Aspetto che un economista mi dica dove sto sbagliando, perché certamente io non me ne intendo. Ma insomma, ho proprio l’impressione che tante iniziative che si stanno prendendo, compresa la guerra in Iraq per tenere buone le migliaia di potenziali cecchini fondamentalisti che se ne stanno in attesa sugli svincoli delle autostrade americane, rientrino nella categoria de “il mondo è diventato una faccenda troppo complicata per lasciarlo governare a chi lo governava prima”.