"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi

"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi
"Il bruco" (2017). Nikon Coolpix P900. Foto macro. Stato larvale della falena diurna "Macroglossum stellatarum" volgarmente detta "sfinge colibrì".

sabato 30 giugno 2018

Quodlibet. 93 “Stagnazione secolare. «2016:i pentiti del libero scambio»”.


Da “Globalizzazione addio. 2016: i pentiti del libero scambio” di Federico Rampini, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 30 di giugno dell’anno 2016: New York - "Quando sarò presidente - annuncia Donald Trump - usciremo dal Nafta (mercato comune con Messico e Canada), e denuncerò la Cina per concorrenza sleale e manipolazione del cambio". Gli risponde la US Chamber of Commerce che è l'equivalente della Confindustria: "Se si realizzano le proposte di Trump avremo rincari dei prezzi, una recessione, tre milioni di posti di lavoro a rischio. Il 40% dell'occupazione americana è legata in qualche modo al commercio estero". A sinistra Bernie Sanders annuncia che darà battaglia alla convention democratica di luglio, a Philadelphia: vuole che Hillary Clinton metta nella suo programma elettorale una forte presa di distanza dai nuovi trattati di libero scambio. All'ultimo G7 in Giappone, prima dello shock di Brexit, un alto dirigente della Commissione europea aveva paventato uno scenario estremo: "Che ne sarà dell'economia mondiale, se fra un anno il prossimo G7 riunirà come leader dell'Occidente Donald Trump, Boris Johnson, Marine Le Pen e Beppe Grillo?". Ma non è solo dalle frange radicali, dai populismi di destra e di sinistra, che parte l'assalto alla globalizzazione. Segnali di ripensamento, ripiegamento e ritirata arrivano da molte direzioni. La Cina sotto Xi Jinping è più nazionalista, rivaluta il capitalismo di Stato e il dirigismo, moltiplica le forme di protezionismo occulto, gli ostacoli alle imprese occidentali. L'India si vede incoraggiata nella sua reticenza ad abbracciare il liberismo: ha sempre mantenuto un alto livello di intervento pubblico e molteplici barriere agli stranieri. Perfino tra i protagonisti americani delle prime stagioni della globalizzazione, dilagano i "pentiti". Un caso clamoroso è Larry Summers. Quando era segretario al Tesoro di Bill Clinton, fu l'artefice della deregulation finanziaria. Ora che è tornato a fare il professore a Harvard, parla di "stagnazione secolare" e fa autocritica. "Nuove ricerche - riconosce Summers - hanno cambiato le idee dominanti sul commercio internazionale. Abbiamo le prove che la globalizzazione ha aumentato le diseguaglianze all'interno degli Stati Uniti, ha aumentato le opportunità riservate ai più ricchi e ha esposto i lavoratori a una competizione più serrata". Summers avanza proposte per aprire un nuovo corso. "La maggiore mobilità del capitale e delle imprese non deve togliere agli Stati la capacità di proteggere i cittadini". Sul trattato Tpp fra gli Stati Uniti e l'Asia- Pacifico, le idee di Summers non divergono molto da quelle di Barack Obama: i nuovi patti devono includere meccanismi vincolanti sui diritti dei lavoratori, le conquiste sociali, la protezione dell'ambiente. Nella sua recente visita in Vietnam, Obama ha sottolineato che grazie al Tpp il governo comunista di Hanoi s'impegna a consentire dei sindacati liberi. Un altro protagonista del revisionismo è Paul Krugman. Il premio Nobel dell'Economia nel 2008 gli fu assegnato proprio per i suoi studi originali sul commercio estero. Fu uno dei primi teorici della globalizzazione. Anche lui è diventato più critico. Senza ripudiare l'idea che gli scambi tra nazioni sono benefici, Krugman sottolinea che la distribuzione dei vantaggi dipende dalle regole, e le regole sono il frutto di scelte politiche. I sistemi fiscali sono stati distorti per favorire il grande capitale e le multinazionali. Le regole sul mercato del lavoro hanno rafforzato il potere contrattuale delle imprese e indebolito i dipendenti. La stessa traiettoria l'ha percorsa l'economista Jeffrey Sachs della Columbia University: "Ho sempre creduto all'utilità degli investimenti internazionali. Anch'io ho contribuito a promuovere la globalizzazione. Ma non bisognava dare il controllo di questi processi in mano a Wall Street e Big Pharma". Tra le sue proposte: trattare in modo diverso gli investimenti produttivi e quelli della finanza speculativa a breve termine.

venerdì 29 giugno 2018

Quodlibet. 92 “Stagnazione secolare. «2008: lo shock della finanza»”.


Da “Globalizzazione addio, 2008: lo shock della finanza” di Federico Rampini, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 29 di giugno dell’anno 2016: New York - La frana dei titoli bancari nel post-Brexit è l'ultimo sussulto di una crisi che riporta alla memoria precedenti ben più gravi. 15 settembre 2008: un assembramento di telecamere circonda il grattacielo al numero 745 della Settima Strada, Manhattan. Riprendono "gli ultimi minuti della Lehman Brothers", la banca d'investimento che ha appena fatto ricorso al Chapter 11, la legge sul fallimento. Le immagini dei dipendenti che escono con i loro effetti personali nelle scatole di cartone, fanno il giro del mondo. La maggioranza degli americani e degli europei ancora non sospettano la gravità dello shock sistemico che sta per innescarsi, le conseguenze drammatiche che colpiranno l'economia reale, l'ecatombe dei posti di lavoro. In quelle ore si consuma una svolta storica: si chiudono gli anni ruggenti della globalizzazione, il ruolo della finanza finisce sotto accusa, inizia una fase di convulsioni politiche che alimentano populismi fino a fenomeni come Brexit e l'ascesa di Donald Trump. L'implosione di Wall Street nel 2008 è stata preceduta da segnali premonitori. Nel 1997 la crisi asiatica con le svalutazioni a catena nei "dragoni" dell'Estremo Oriente; nel 1998 il crac dello hedge fund Ltcm salvato con mezzi d'emergenza dalla Federal Reserve di Alan Greenspan; nel marzo 2000 l'esplosione della bolla speculativa di Internet e il tracollo del Nasdaq. Tremori lievi se paragonati al sisma del 2008, seguito dalla più grave crisi dopo la Grande Depressione degli anni Trenta. Ma due studiosi di storia degli shock finanziari, Kenneth Rogoff e Carmen Reinhart, osservano che i crac diventano sempre più frequenti, sempre più ravvicinati. Sul banco degli imputati finisce la deregulation finanziaria degli anni Novanta, avallata anche da governi di sinistra sulle due sponde dell'Atlantico. In particolare sono sotto accusa Bill Clinton e i suoi segretari al Tesoro Robert Rubin e Larry Summers: decisero di abrogare la legge Glass-Steagall che separava i mestieri della banca di deposito (che gestisce il risparmio) e dell'investment bank che investe in partecipazioni azionarie e titoli a rischio. La "Terza Via" di Clinton e Tony Blair è sospetta di subalternità al neoliberismo. È una storia che viene da lontano. Risale alla fine degli anni Settanta la diffusione dei titoli derivati, teorizzati da Milton Friedman, premio Nobel dell'economia e patriarca dell'ideologia mercatista. Ha fatto proseliti anche nelle socialdemocrazie europee e nel partito democratico americano, quell'idea che la libertà globale dei movimenti di capitale, e lo sviluppo di strumenti finanziari sempre più sofisticati, moltiplica le opportunità di rendimento per i piccoli risparmiatori. Alla lunga il bilancio è diverso.

giovedì 28 giugno 2018

Quodlibet. 91 “Stagnazione secolare. «Gli anni ruggenti 1999-2001»”.


Da “Globalizzazione addio, gli anni ruggenti 1999-2001” di Federico Rampini, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 28 di giugno dell’anno 2016: New York - L'81esima Brigata della Washington State Patrol batte in ritirata. Si dimette il capo della polizia di Seattle. Bill Clinton deve chiamare la Guardia Nazionale. Il vertice-simbolo della globalizzazione nasce e muore nel caos. 30 novembre 1999: Seattle è sotto assedio. Un summit tra capi di Stato deve varare i nuovi negoziati mondiali sulla liberalizzazione degli scambi. Protagonista è la World Trade Organization (Wto), Organizzazione del commercio mondiale, arbitro e cabina di regìa della globalizzazione. Ma a Seattle converge la "madre di tutte le proteste": 40.000 manifestanti, in una serie di cortei dove si fondono i sindacati operai, le ong ambientaliste, i primi black-bloc. Irrompe sulla scena il movimento no-global. Il vertice finisce nel caos: molti leader dei governi assediati negli alberghi non riescono neppure a raggiungere il centro congressi, avvolto in nuvole di lacrimogeni, le forze dell'ordine sono sopraffatte. Quel giorno viene scritto un copione che si ripeterà in molti summit successivi, raggiungendo l'apice al G8 di Genova nel 2001. Perfino il World Economic Forum di Davos, l'esclusivo ritrovo dei Vip ad ogni fine gennaio sulle montagne dei Grigioni, dopo i precedenti di Seattle e Genova è costretto a blindarsi. Seattle lancia temi che sono attuali oggi: gli effetti della globalizzazione sui salari occidentali; i danni per l'ambiente e la salute dei consumatori; lo strapotere delle multinazionali. 17 anni fa è già vivace quella critica che oggi prende di mira una nuova generazione di trattati, il Tpp tra America e Asia-Pacifico, il Ttip tra Stati Uniti ed Unione europea. Ma la vera ragione per cui fallisce il vertice di Seattle è un'altra: 40 delegazioni governative venute dall'Africa e dall'America latina respingono l'accordo; sono i paesi dell'emisfero Sud a far saltare le trattative, allora, perché si ritengono sopraffatti dagli interessi del capitalismo occidentale. Il movimento no-global condivide questa narrazione. Anche in Occidente gli avversari della globalizzazione pensano che nel nuovo assetto economico mondiale i perdenti saranno i paesi in via di sviluppo. Il tema dell'ingiustizia viene declinato lungo l'asse Nord-Sud. Lo stesso vale per i primi guru teorici del no-global. Il più celebre è Joseph Stiglitz, che vince il Nobel dell'economia nel 2001, dopo avere "divorziato" dall'ortodossia liberale: negli anni Novanta era stato consigliere economico di Bill Clinton e capo economista della Banca Mondiale. Il suo libro "La globalizzazione e i suoi oppositori" (2002) è un attacco al "consenso di Washington": le dottrine a base di austerity e privatizzazioni che la Casa Bianca e il Fondo monetario internazionale impongono ai paesi del Terzo mondo. I progressisti in Occidente sono convinti che la globalizzazione sia un nuovo capitolo dell'imperialismo post-coloniale.

mercoledì 27 giugno 2018

Quodlibet. 90 “Il «tempo perso» di Ingrao”.


Da “Il tempo perso di Ingrao. Il valore della contemplazione” di Pietro Ingrao, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 27 di giugno dell’anno 2017: (…). Io nutro ancora una speranza, la mia unica speranza, senza la quale sarei veramente disperato: che le cose possano cambiare. Nel corso della mia lunga vita ho ricevuto tanto dagli altri, ben più di quanto meritassi, per cui non ho una visione funerea dell’attuale società. Credo però che effettivamente si sia aperta una grande questione, che si prospetti un grave pericolo. Io sono vissuto tutta una vita nella lotta per la tutela e la salvezza del lavoro, di quel grande fatto umano che è il lavoro. Fin da bambino ho imparato che il valore dell’esistenza era inscindibilmente legato al lavoro. Sono del resto due secoli che si parla di espressione della propria identità nel lavoro: è un concetto che accomuna capitalisti e comunisti. Anche nella cristologia si possono trovare visioni simili. Ora, tuttavia -  (…) -, sento sorgere un dubbio su questa scala di valori, che in passato ritenevo tanto assoluta. Un evento fondamentale è stato per me lo sviluppo della macchina, prodotto dell’industria moderna. Chi verrà dopo di noi scriverà che nel XX secolo le macchine hanno straripato, si sono diffuse inondando il mondo, a seguito di una rivoluzione sconvolgente che ha posto al suo centro l’atto meccanico del produrre. Io sono stato addentro a questa logica e ho combattuto questa battaglia. Ora, però, temo che tutti dormano, che si siano dimenticati momenti ulteriori dell’esperienza umana, che ritengo invece essenziali al pari del lavoro. Ciò significa che è necessario un grande passo in avanti. Non basta più chiedere una ulteriore settimana di vacanza, bisogna invece spostare l’intero asse dei valori. Non bisogna più avere soltanto la scala del reddito medio o minimo, oppure del tempo con cui si produce qualcosa. Mi spavento quando sento il poco valore assegnato alla “perdita di tempo”, quando vedo l’inganno che rappresenta l’espressione stessa: “perdita di tempo”. Allo stesso modo mi spaventa il disprezzo verso il notturno, verso quel che è l’io, che a me pare una soglia e che è in fondo l’aprirsi di un’altra sfera, il liberarsi di qualcosa di sé, inteso però anche nel suo senso più preciso e letterale, come disse Freud. Mi spaventa una società che non se ne cura, che lo manda al diavolo se la macchina ha bisogno di lavorare durante la notte. Al diavolo però vanno non solo le ore che si perdono, poiché non si tratta soltanto di quantità di tempo: è la qualità di quel tempo a essere perduta. Si perdono l’inoltrarsi nel sogno, il vagabondare, il contemplare. Di nuovo, il contemplare.

martedì 26 giugno 2018

Terzapagina. 34 «La democrazia finisce piano piano».


Da «La democrazia finisce piano piano», colloquio di Marco Damilano con la senatrice Liliana Segre, a 14 anni deportata - numero di matricola 75190 - nel campo di sterminio nazista di Auchwitz-Birkenau pubblicato sul settimanale L'Espresso del 3 di giugno 2018: Lo ricorda bene, quel due giugno 1946, il giorno del referendum istituzionale in cui l’Italia scelse di voltare pagina e di diventare una Repubblica. «Avevo quindici anni e non potevo votare, però ho ancora quella sensazione di gioia collettiva. Qualcosa di nuovo dopo tante tragedie, l’esplosione di felicità per questa Italia ritrovata, in ricostruzione, ottimista, questo mondo intorno a me che festeggiava, anche se io ero personalmente lacerata. Ero una vecchia ragazza che aveva già visto l’indicibile, come lo ha chiamato Primo Levi». (…).
Sembra di vederla nel 1946, provo a immaginarla, doveva avere la stessa età della ragazza che compare nella foto simbolo di quel giorno, quella che alza la prima pagina del giornale a titoli cubitali con la notizia più emozionante: è nata la Repubblica italiana. «Per quello che succedeva attorno a me, con quel che restava di me stessa, ero felice. Nella mia casa, prima della tragedia, mio padre e mio zio erano stati ufficiali nella Prima guerra mondiale. Mio zio fascista, mio padre antifascista. Si amavano molto, discutevano moltissimo. Mentre mio padre è finito ad Auschwitz, mio zio si è salvato, ha vissuto a lungo ma per tutta la vita aveva l’incubo di non essere riuscito a portare giù dal treno per il lager suo padre, mio nonno. E lui che era stato ufficiale dell’esercito regio ed era stato a Caporetto, fascista e monarchico, quel giorno votò per la Repubblica e mi disse: mai mi sarei aspettato di votare felicemente per la Repubblica». (…).
Il Quirinale, la sede della presidenza, la suprema garanzia costituzionale, assediato dalle critiche (legittime) e dagli insulti (vergognosi). Il capo dello Stato minacciato, offeso perfino nell’affetto più caro, il fratello Piersanti ucciso dalla mafia, con i messaggi ripugnanti apparsi sui social. Il silenzio di partiti, sindacati, intellettuali che in passato sono scesi in piazza per difendere le istituzioni repubblicane e che in questa occasione balbettano. E l’esigenza sempre più urgente di trovare figure che sappiano parlare a tutto il Paese stremato e allibito dal balletto dei politici sulla crisi, simmetrico a quello degli speculatori sui mercati. «Oggi sono molto rattristata per la mia Italia, paese amato, alle soglie di qualche sorpresa, di situazioni che mi sarei aspettata di non vedere più. (…). Abbiamo avuto tante crisi politiche in questi decenni, formule di ogni tipo, ma quello che sta accadendo in questi giorni è totalmente inaspettato. La Repubblica è la cosa di tutti, ma oggi rischia di essere strattonata da una parte e dall’altra, lo vediamo tutti, sono preoccupata. C’è una tristezza di fondo, nelle polemiche, nelle speculazioni, anche nei giudizi della stampa internazionale, così lontana dalla bellezza dell’Italia e da un popolo che non si merita questa severità dei giudizio».
Sono tanti i motivi di preoccupazione e di amarezza per la senatrice Segre, nominata a Parlamento sciolto, accolta tra gli applausi a Palazzo Madama durante la prima seduta, il 23 marzo. «Conosco i miei colleghi senatori a vita, sono stata troppo poco in aula per farmi un giudizio degli altri, non sono una vecchia volpe. Quando sono stata nominata ho detto al presidente Mattarella che sono sempre una bambina: mi hanno chiuso la porta della scuola e ottant’anni dopo mi hanno aperto quella del Senato».

lunedì 25 giugno 2018

Sfogliature. 96 “Ma forse era solo un’altra Italia”.


“Sfogliatura” di martedì 25 di gennaio dell’anno 2011. Ove si discetta(va) sulla “doppiezza delle coscienze del bel paese”. Si dirà: nulla di nuovo. È che i decenni trascorsi nella mala-politica sono rimasti, quei decenni dicevo, come intrisi sino alle midolla dalla spregiudicatezza e dalla im-moralità che non si riesce oggigiorno a ben sperare in un rinnovamento ed un riscatto. Risultano inutili financo gli avvicendamenti del personale della politica che portano con se, come stimmate purulenti, quanto di più perverso la mala-politica sia riuscita a creare nei decenni passati. E di quella “doppiezza delle coscienze del bel paese” ne fanno buon uso e mostra mediatica i novelli reggitori della cosa pubblica che, nell’avvilupparsi caotico della politica sui temi più scottanti, additano alla “pancia” del bel paese i possibili “nemici” da cui difendersi, ovvero i trafugatori di matasse di rame, dimentichi come avviene di additare alla pubblica opinione invece i principali responsabili delle rapine, ovvero coloro che hanno depredato il paese al comando delle loro banche, o magari hanno dilapidato milioni di pubblico denaro non già al servizio della politica ma per inconfessabili interessi e motivi personali e/o di gruppo. Sta tutta qui quella “doppiezza delle coscienze del bel paese”, tanto è vero nei “luoghi di accoglienza” preposti si contano ben pochi frodatori dei beni pubblici, mentre si stipano in essi i diseredati e i più dei miserabili – nel senso alla Hugo – cittadini. Scrivevo allora, il 25 di gennaio dell’anno 2011: Mi ero avventurato, in un mio post di mercoledì 19 di gennaio, a scrivere:“È che vien fuori sempre la doppiezza delle coscienze del bel paese. Ove esiste da sempre una doppia moralità. Coloro che oggigiorno sostengono, arditamente e spudoratamente, che la vicenda sia da ricondursi ad un fatto privato di quel mattacchione di cavaliere, reagirebbero in tale modo se ad essere vittima di quel cavaliere stravagante fosse una familiare prossima, una minore della sacra famiglia, della tribù?”. Mi ero avventurato, incoscientemente, a fare un esame sociologico non avendone gli strumenti adeguati. Imprudenza somma. Sono stati i fatti dei giorni a seguire a farsi carico di smentire quella mia improvvisata disamina dei processi sociologici ed antropologici in corso, che caratterizzano il bel paese all’inizio del secondo decennio del terzo millennio della Storia. Ne chiedo venia. I fatti dei giorni a seguire mi hanno smentito clamorosamente. Non più di una doppiezza di moralità bisognerebbe parlare oggigiorno per il bel paese. La moralità ha subito una evoluzione per la quale ben più pressanti premure, immancabilmente materiali, determinano e dettano le regole ed i comportamenti degli “italioti”. Sono cadute quelle improvvisate mie asserzioni dinanzi allo scempio palese di tante coscienze che di fatto rendono auspicabili ed accettabili comportamenti che, in altre stagioni della vita e della Storia del bel paese, non avrebbero trovato tanto spazio e/o paternità alcuna. Oggigiorno urge l’accaparramento. Che sia lecito o meno, che sia frutto delle proprie abilità e qualità non importa, purché ci si accaparri di ciò che il “sogno” di un arricchimento facile, anche furbescamente e/o delittuosamente conquistato, anche in barba alle leggi vigenti, arricchimento per tutti fatto balenare nelle verdi contrade del bel paese, si materializzi e giunga a portata di  mano dei più. Come, non importa. Meglio ancora, che l’accaparramento avvenga nelle forme più semplici e spedite, di un arricchimento che nasca anche dal dolce mestiere delle tante “bocca di rosa” cantate da quello straordinario artista che è stato Fabrizio De Andrè. Ma pur c’è stata una stagione nella vita e nella Storia del bel paese nella quale l’orgoglio della propria esistenza, di una dignità fatta non sulle cose possedute né tanto meno sull’apparire, ma sull’essere e sulle qualità che l’essere dispiega quando è specchiato e veritiero, quell’orgoglio e quella dignità anche se limitati o poveri nei mezzi, erano una costante largamente diffusa nelle ubertose contrade del bel paese. Oggi i fatti reali e concreti, e non tanto le spericolate alchimie sociologiche che si ingegneranno di spiegare ciò che è spiegabile di questi tristissimi anni, s’ingegnano e ci dimostrano, in forme incontrovertibili, che di quella umanità, di quell’essere orgogliosi e dignitosi, si è persa traccia in ampi strati delle popolazioni che abitano il suolo italico. “Ma forse era solo un’altra Italia” scrive il giornalista e scrittore Claudio Fava sul quotidiano l’Unità del 24 di gennaio dell’anno 2011 nel Suo editoriale “Il silenzio dei padri”, che di seguito trascrivo in parte.

sabato 23 giugno 2018

Sullaprimaoggi. 2 “L’«homo dignus» di Stefano Rodotà”.


Ha scritto Luigi Manconi – in “Quanto manca il militante Rodotà”, sul settimanale L’Espresso del 17 di giugno - nel Suo accorato “ricordo” di Stefano Rodotà ad un anno dalla scomparsa dell’insigne studioso ed Uomo pubblico: L’homo dignus è la nuova manifestazione della personalità umana nel costituzionalismo dei diritti di cui scriveva Rodotà: l’eguale dignità di ciascuno supera l’astrazione del vecchio individualismo liberale e riscopre la centralità della concreta esperienza della persona umana a partire dal suo corpo e dai suoi bisogni. Una nuova morfologia è la chiave interpretativa con cui Stefano Rodotà ci guida per le strade più impervie: la corporeità fisica o elettronica è il centro di attrazione di vecchi e nuovi diritti così come il corpo è il luogo della differenza delle persone e dei loro bisogni, tutte e tutti meritevoli di riconoscimento e di garanzia. In questo primo anniversario ri-propongo la lettura del testo a firma di Stefano Rodotà “La dignità della persona” pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 12 di febbraio dell’anno 2017: «Siate realisti: chiedete l’impossibile». Questo ammonimento, che Albert Camus affida a Caligola, dovrebbe rappresentare un costante criterio di riferimento per tutti coloro che pensano e agiscono politicamente - e comunque identificano la politica con il cambiamento. Il rischio concreto, altrimenti, è quello di una sorta di tirannia dei fatti che, se considerati come un riferimento da accettare senza alcuna valutazione critica, come l’unica misura e regola del possibile, ben possono trasformarsi in una trappola, o una prigione. Una questione di evidente rilievo culturale e che, se trasferita sul terreno politico, può aprire una strada verso finalità sostanzialmente conservatrici. È quel che sta accadendo in molti casi, con una scelta che non può essere considerata inconsapevole o innocente. L’attribuire ai nudi fatti la competenza a dettare le regole della vita sociale e politica dà origine ad una sorta di naturalismo che sconfigge la necessaria e consapevole artificialità della regola giuridica e della decisione politica.

venerdì 22 giugno 2018

Sullaprimaoggi. 1 “La paura è di destra, la vergogna sia di sinistra”.


Da “La paura e la vergogna” di Wlodek Goldkorn, pubblicato sul settimanale L’Espresso del 17 di giugno 2018: Le parole sono: paura e vergogna. (…). Partendo da una riflessione di un intellettuale cosmopolita, vittima (più volte) e avversario (per scelta) di ogni nazionalismo, di ogni chiusura delle menti e dei porti. Partiamo da una riflessione quasi marginale, in apparenza fatta a caso, di Zygmunt Bauman. Era l’anno 2007, un anno prima dell’inizio della grande crisi, di quell’evento che da una decade ormai rende insicuri non solo i nostri risparmi e posti di lavoro, ma che ha messo in questione la stessa parola avvenire. Bauman stava scrivendo uno dei suoi numerosi libri, intitolato “L’arte della vita”. E tra le altre cose ragionava sui casi delle persone, nella storia europea, per le quali (parole sue) «il senso della vergogna era più forte della paura della morte». Intendeva coloro che mettevano a rischio la propria vita, pur di salvare le vite degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale, ma anche degli eroi delle lotte per la libertà e la dignità umana di quei Paesi (Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria, Russia) che oggi sono all’avanguardia nel calpestare ogni concetto della dignità umana; e a cui come a un faro guardano certe forze politiche italiane. Diceva il sociologo e filosofo polacco, esule in Inghilterra: per queste persone il senso della vergogna era più forte della paura della morte. Erano eroi? Forse, ma prima di tutto erano uomini e donne che nell’altro, in colui che soffre, che viene umiliato e privato di ogni diritto, perfino del diritto alla vita, vedevano un fratello, una sorella, un altro io. E per parafrasare Hannah Arendt: la banalità del male è l’assenza dell’empatia. O forse quella cosa che due sopravvissuti alla Shoah, la senatrice Segre, appunto e il comandante in seconda della rivolta nel ghetto di Varsavia, Marek Edelman, hanno chiamato “indifferenza”. L’indifferenza, spesso, equivale alla condanna a morte. Parlando dell’Europa e muovendo oggi accuse (giuste) all’Europa conviene ricordarselo. C’è una parola di cui abbiamo fatto abuso (anche noi di sinistra) e che per le destre, per tutti gli imprenditori della paura è un termine chiave, un lemma che deve incutere terrore. La parola è “clandestino”. Ma che cosa è un clandestino?

giovedì 21 giugno 2018

Quodlibet. 89 “La storia rottamata”.


Da “La storia rottamata” di Ezio Mauro, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 21 di giugno dell’anno 2016: (…). In realtà dopo Tangentopoli, la morte dei grandi partiti storici e l'era berlusconiana durata vent'anni, abbiamo vissuto (…) nella palude finale della Seconda Repubblica, segnata da un confronto-scontro tra destra e sinistra che ha prodotto l'alternanza anche se non è riuscito in due decenni a riformare il sistema e a cambiare il Paese. Tutto questo è finito (…).

mercoledì 20 giugno 2018

Quodlibet. 88 “Finisce la stagione della docilità”.


Da “Finisce la stagione della docilità” di Nadia urbinati, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 20 di giugno dell’anno 2011: (…). Cittadini come donne e come bambini: infantilizzati per non farli cadere in errore, e bollati di irrazionalità quando agiscono di testa loro! Le carte vengono rovesciate. Poiché quando gli italiani si identificano con un capo carismatico sono razionali, mentre quando votano contro le sue indicazioni sono emotivi. Un controsenso plateale se si pensa che il diritto di voto è praticato in silenzio proprio per consentire a ciascun cittadino di scegliere liberamente, con la propria testa.

martedì 19 giugno 2018

Primapagina. 100 “Quello&l’altro”.


Da “Matteo Due, la barzelletta che fa ridere soltanto lui” di Antonio Padellaro, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 17 di giugno 2018: (…). Venerdì sera (15 di giugno n.d.r.), Matteo Salvini se la ride in tv mentre commenta il lavoro dei magistrati romani. Scherza, sfotte, si sente invulnerabile, in un ventre di vacca. I 200 mila euro versati dal costruttore Parnasi alla Lega? Ah ah, tutto legale. Lui se ne catastrafotte (Cammilleri). Pensate, è il ministro degli Interni, dovrebbe rappresentare “con onore e disciplina” (art. 54 della Costituzione) il governo, le istituzioni. Ma è un problema che neppure lo sfiora quando definisce “il nulla” l’inchiesta della Procura della Capitale. Migliaia di pagine di verbali? Ah ah, il nulla. Ammissioni e dimissioni (il Mr. Wolf di Acea, Lanzalone). Il nulla. Da scompisciarsi. Come dargli torto? Ormai cammina, anzi si libra, sospeso in una nuvola di lodi, celebrazioni, incensamenti. Già prima era tutto un turibolare Matteo Due (spesso gli stessi che avevano turibolato Matteo Uno Renzi). Quanto è bravo, un politico di razza, un profeta. A dirlo erano i suoi amici leghisti, gli elettori con la bava alla bocca, gli italiani (quelli che vengono “prima”) dal grilletto facile. Poi, domenica scorsa, la “vomitevole” decisione di chiudere i porti ai 629 migranti dell’Aquarius e Salvini diventa santo subito. A spellarsi le mani soprattutto quelli che lo hanno sempre considerato un furbacchione, un perdigiorno, un ganassa. Ieri era: uno che non ha mai lavorato in vita sua. Oggi è: lo statista che tutto il mondo ci invidia. Quando dice: la pacchia è finita, subito i massmediologi si arrapano per la genialità del messaggio. Quando definisce “in crociera” quelli dell’Aquarius, “vomitevole” diventa un complimento. Lui gigioneggia: “Mi sono fatto sentire, oggi l’Italia viene rispettata”. Sì, come quello che fa quattro urlacci in una sala: certo che ti sentono ma l’unico risultato è che poi t’insultano. Il “buon cuore” del premier socialista spagnolo Pedro Sánchez ci evita il disprezzo del mondo civilizzato per avere mandato alla deriva una nave di disperati. Infatti, col grande statista non vuole parlarci nessuno. Infatti, Donald Trump ed Emmanuel Macron si sperticano in elogi per Giuseppe Conte chi? Non conta una cippa ma dialogheranno solo con lui. L’uomo del Viminale ci resta male, frigna. Ma il gioco è scoperto. Il mondo ci rispetta (ah ah) ma i migranti continuano a sbarcare sulle coste italiane. Lui si accontenta di aver spezzato le reni alle Ong. Sulla vicenda dello stadio fa il bullo ma “il no so se ci sono altri elementi”, a Testaccio, si chiama strizza. È un demagogo dal fiato corto che lucra sulle disgrazie degli alleati Cinque Stelle. A cui più che la compagnia di qualche mariuolo viene fatta pagare la pretesa di legalità. Come si permettono? Invece, alla Lega di Salvini, con quei precedenti (tanto per dire: una banca padana fallita, il tesoro scomparso del tesoriere) si perdona tutto. Lì la pacchia prosegue. Però, non chiamatelo fascista. Quella fu una tragedia. Questa è una barzelletta che fa ridere solo lui.

lunedì 18 giugno 2018

Terzapagina. 33 “Qui parla «Prada»”.


Da “Bertelli: «L'euro ci ha difeso. Attenti al debito e al futuro»", intervista di Luca Piana a Patrizio Bertelli - “Ceo” di Prada -, pubblicata l’11 di giugno 2018 sul settimanale “A&F”:  (…). Il governo Conte si è appena insediato, Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono i nuovi uomini forti d'Italia. Interrogativi? “Non è un problema d'interrogativi. (…). Il fatto è che non ci si può improvvisare imprenditori, così come in politica non si dovrebbe improvvisare nulla. Hanno parlato di nuovi barbari, ma secondo me il problema è ben più profondo, riguarda la nostra società".
In che modo? "I nuovi politici sono la conseguenza di un Paese in cui è stato tolto il servizio militare, senza sostituirlo con un servizio civile in cui venisse insegnato il senso della Costituzione, dove si facesse formazione, o si coinvolgessero le persone nel sistema della protezione civile. Una volta il rispetto lo imparavi in molti modi, nelle fabbriche grazie al ruolo del partito socialista o del partito comunista, negli oratori con la Chiesa. Si è dissolto il sistema di formazione diretta che riguardava non soltanto gli aspetti sociali e culturali, ma anche il lavoro, l'industria, il mondo contadino. Oggi la formazione i ragazzi la fanno su Instagram o su Facebook. Mi ricordano un po' gli albanesi che negli anni Ottanta arrivavano in Italia, convinti che tutto fosse come nei programmi televisivi".
Le mancano i partiti di un tempo? "No. Mi manca il senso del sociale che si trasmetteva nelle fabbriche, nei comitati con cui le istituzioni affrontavano i problemi, nel sindacato. Pensi anche al cinema, al messaggio d'impegno trasmesso da molti film, penso ai lavori di Gian Maria Volonté e persino a tante commedie, come "Mimì metallurgico"".
E invece oggi, che genere di messaggio passa? "Un messaggio che a me sembra insidioso, soprattutto per i ragazzi. Le persone credono che gli effetti del voto di protesta non possano nuocere a loro stessi, che alla fine non incidano sulla sfera quotidiana, sui risparmi, sui rapporti economici su cui è fondata la loro stessa vita. Non pensano che un voto che vuol essere semplicemente "contro il sistema" rischia di ribaltarsi contro loro stessi, perché alla fine il sistema siamo tutti noi. Stiamo vivendo un momento di cecità civica e civile, un po' come i soldati che venivano mandati in guerra. Nessuno di loro avrebbe seguito i generali, se avesse saputo che andava a morire. E così si diceva che la guerra sarebbe durata pochissimo, o che vincere sarebbe stato facile".
Il populismo fa presa ovunque ma l'Italia è l'unico grande Paese d'Europa in cui i populisti sono al governo, come ha certificato il premier Conte il giorno della fiducia. Come lo spiega? "In generale occorre osservare che, oggi, nel mondo le persone che sono nate dagli anni Ottanta in poi rappresentano già la maggior parte della popolazione. Parliamo spesso di millennials ma, in realtà, dobbiamo tutti capire che cosa pensa la "generazione Z", i ragazzi nati dopo il 2000. I vecchi partiti non hanno compreso che occorreva mettersi in comunicazione con una moltitudine di persone che comunicano essenzialmente via social. Spiegare perché da noi queste nuove forze siano arrivate al potere è facile, basta confrontare il nostro reddito medio con quello di Francia e Germania. C'è troppa povertà e c'è la difficoltà di molti giovani a trovare un'identità sociale, che passa per il coinvolgimento nel lavoro. Poi pesa anche un senso di vendetta nei confronti di decenni di malgoverno".
Quando parla di scelte politiche che si ribaltano contro gli elettori, pensa anche ai messaggi anti Europa che, in maniera non limpida, hanno caratterizzato la formazione del nuovo governo? "Gli imprenditori del Nord hanno votato in massa per la flat tax, ma ora sono terrorizzati: se si esce dall'euro, vanno tutti a rotoli. L'euro è il collante dell'Europa. Se non ci fosse, un Paese come il nostro tornerebbe ai tempi in cui l'inflazione era al 15 per cento. L'euro ci ha difeso, abbiamo avuto grandi benefici ma, allo stesso tempo, non possiamo pensare di scaricare le nostre magagne addosso agli altri, e penso soprattutto al debito pubblico".
In questa nuova fabbrica lavorano quasi 800 persone, in Italia avete 2.974 dipendenti nella produzione e 4.706 in totale. Come si sente un imprenditore a sostenere uno sforzo simile, pensando che potrebbe essere messo in discussione un aspetto di fondo come l'appartenenza all'euro? "Non mi faccio condizionare. C'è stato un momento in cui avremmo potuto decidere se produrre fuori dall'Italia, e abbiamo scelto di stare qui. La conseguenza è che dobbiamo tenere un livello altissimo, con un forte senso di appartenenza da parte di tutti".
Perché i gruppi come Prada, con tanti lavoratori, in Italia sono rari? "È l'effetto del mancato sviluppo tecnologico. Il nostro mondo produttivo è rimasto troppo artigianale, e naturalmente non intendo il senso migliore della parola, quello che riguarda la capacità delle persone di compiere lavorazioni di altissima qualità. Quello è fondamentale, ed è un punto di forza del made in Italy. Essere artigiani diventa un freno quando pensi di poter fare tutto da solo".
Tante medie imprese vivono una fase positiva. Gli imprenditori stanno imparando a superare i vecchi limiti? "Quelli che esportano sì. Stare sui mercati internazionali ti obbliga a migliorare continuamente. Molti però non sono ancora riusciti a fare il salto verso una vera coscienza industriale".
Che cosa potrebbe aiutarli? "È facile da dire, difficile da fare. Ci vuole un piano per agevolare le imprese che hanno un progetto, sostenerle mentre lo mettono in pratica e poi accompagnarle all'estero, con un Paese capace di vendere la propria immagine. L'Italia non si è guadagnata sul campo i galloni che l'avrebbero fatta rispettare di più. La nostra posizione, per molti versi marginale, poteva essere più credibile se, ad esempio, avessimo investito di più in cultura, in forza intellettuale, in competenza. Siamo sempre stati all'avanguardia, pensi al Rinascimento, ma oggi non siamo all'altezza dell'eredità che la storia ci ha lasciato".

domenica 17 giugno 2018

Cronachebarbare. 54 “Il risiko furbetto della «sinistra unita»”.


Meriterebbe questo “Appelli & coltelli: il risiko furbetto della «sinistra unita»” di Marta Fana e Francesca Fornario, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” il sabato del 17 di giugno dell’anno 2017, di far parte di quella rubrichetta “quodlibet” che vado tenendo e nella quale mi premuro di inserire ciò che ho letto nel tempo passato e che mi è piaciuto tanto e che potrebbe piacere ad altri. Ma in questo caso sono portato ad una scelta diversa essendo la “materia prima” di quell’articolo quanto di più scadente e deplorevole si possa immaginare. E per materia prima intendo i figuranti della politica del nostro sgangherato paese. Che non merita quella pessima “materia prima” entrare a far parte di quell’empireo che raccoglie – o cerca di raccogliere - il meglio delle cose pensate e scritte. Ce ne fornisce l’ennesima prova di quell’inadeguatezza della “materia prima” Fabio Bogo sul settimanale “A&F” dell’11 di giugno ultimo, nel Suo pezzo di spalla nella prima pagina che ha per titolo “Lo spoils system e il fuoco ai fienili”: (…). All'assemblea di Confcommercio, il vicepremier e ministro dello Sviluppo e del Lavoro Luigi Di Maio ha infiammato la platea annunciando l'addio a redditometro, studi di settore e spesometro. Peccato che i primi due già non ci siano più, e che l'ultimo sia in via di progressiva sostituzione con la fatturazione elettronica. Ovazione anche all'annuncio che i commercianti sono tutti onesti e che l'onere della prova sull'evasione fiscale verrà invertito. Cosa questo significhi non è chiaro, dal momento che lo Stato che si muove contro un evasore lo fa proprio sulla base di prove, costituite da violazioni che ritiene di aver accertato. Poi c'è il caso dei controlli, che verrebbero garantiti grazie all'unificazione di tutte le banche dati. L'idea in realtà non ha mai avuto grande popolarità in casa 5Stelle. All'avvio del data-base dell'anagrafe tributaria, il cosiddetto Serpico, Beppe Grillo aveva così commentato: "Ogni transazione dei nostri conti correnti verrà esaminata, è un passo verso la repubblica dei Soviet". E infine la pace fiscale. Che si lancia, in modo perlomeno imprudente, mentre è ancora aperta la rottamazione delle cartelle, i cui potenziali incassi sono già stati messi a bilancio. Ma di argomenti per raccogliere ancora consenso ce ne sono molti altri, nella logica della campagna elettorale permanente che ha preso piede. (…). Si è a questo punto d’ignoranza grossolana se non assoluta, d’improvvisazione spavalda, di un incessante e riprovevole saltibeccare come nefaste cavallette su per “li rami” fronzuti - per loro -, ovvero per quelli della casta della politica. E di saltibeccanti nefaste cavallette di quella che era abitualmente chiamata la “sinistra” ne hanno scritto - per l’appunto - le due autorevolissime corsiviste all’inizio citate. Leggiamole:

venerdì 15 giugno 2018

Primapagina. 99 “Il tracimante falso nuovismo leghista”.


Da “Operazione Gattopardo” di Marco Travaglio, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 15 di giugno 2018: (…). Il quadro che emerge è un magnifico selfie di quel che accade in Italia quando cambia o rischia di cambiare il sistema con i suoi equilibri di potere. Ciò che è accaduto dopo il 4 marzo ha due soli precedenti in 72 anni di storia repubblicana. Quello dell’immediato dopoguerra, quando andarono al governo le forze politiche escluse dal ventennio fascista. E quello del 1992-‘94, quando crollò la Prima Repubblica sotto le macerie di Tangentopoli e l’istinto di sopravvivenza dell’Ancien Regime produsse subito un formidabile anticorpo al cambiamento: B. A bilanciarne il gattopardismo provvide una forza nuova e dirompente come la Lega di Bossi. Che infatti dopo sette mesi lo buttò giù. Oggi il Gattopardo è la Lega di Salvini che, sotto le mentite spoglie del nuovo che avanza, ricicla tutto il vecchio che è avanzato (idee, persone, lobby, prassi), controbilanciato dall’elemento più nuovo che la politica italiana al momento conosca: i 5Stelle. Questi però non hanno né la solidità culturale, il savoir faire amministrativo e la classe dirigente adeguata per arginare il tracimante falso nuovismo leghista. E nemmeno per resistere ai tentativi di infiltrazione. Parnasi, Bisignani e quelli come loro sanno benissimo che i Di Maio e le Raggi sono inavvicinabili: hanno mille difetti, ma non la corruttibilità. E allora aggirano l’ostacolo e bussano alla porta dei Lanzalone, trovandola spalancata. Distinguere le verità dalle millanterie sarà compito dei magistrati. Ma leggere di riunioni in casa Parnasi fra Lanzalone e Giorgetti, leghista per tutte le stagioni, per “fare il governo” e di missioni di Lanzalone nei palazzi del potere per le nomine pubbliche dà l’idea della permeabilità del “nuovo” alle infiltrazioni del “vecchio”. Un movimento cresciuto troppo in fretta e chiamato troppo presto al governo con quadri improvvisati si affida agli “esterni”: tecnici, consulenti, boiardi, funzionari, avvocati presi a prestito dal privato, dall’università, dal Parastato, dalla Pubblica amministrazione, che magari sono fin troppo competenti, ma non necessariamente condividono i valori di chi li ha chiamati. E presto o tardi possono cedere a tentazioni di potere, di privilegio, di conflitto d’interessi o addirittura di corruzione. E allora può succedere di tutto: di azzeccare la scelta arruolando persone di valore (si spera che Conte lo sia) o di sbagliare clamorosamente portandosi il nemico in casa, come Marra, Lanzalone o Giordana (il braccio destro della Appendino dimessosi per una multa levata a un amico). Troppi campanelli d’allarme per non porsi il problema strutturale di un Movimento nato sulla trasparenza, sull’onestà e sul civismo che potrebbe fare del bene all’Italia e invece rischia di perdere – e soprattutto di farci perdere – un occasione che potrebbe essere l’unica: la cronica mancanza di una classe dirigente autonoma, forte e preparata e responsabile, capace di attrarre le forze migliori della società. Col risultato di affidare la scelta di candidati, sindaci, assessori, ministri, sottosegretari e consulenti al caso, o al culo. Certo, quando poi la mela marcia salta fuori, ci si può consolare rinfacciando agli altri di essere peggio e di non cacciare nessuno nemmeno dopo la condanna definitiva. Ma, fermo restando che nessuno nasce dal nulla, tutti hanno una vita precedente e la fabbrica dei santi ha chiuso da un pezzo, una forza “diversa” dovrebbe darsi gli strumenti più adeguati per selezionare uomini e donne a prova di bomba. Altrimenti, di errore in errore, passerà fra la gente l’idea che sono tutti uguali, non si può cambiare niente e tanto vale riaffidarsi ai vecchi puzzoni. A noi, della sorte dei 5Stelle, importa poco o nulla: ma se anche stavolta le aspettative di cambiare venissero frustrate, nessun altro ci proverà mai più.

giovedì 14 giugno 2018

Primapagina. 98 “La politica del «serpente mangia serpente»”.


Da “Questo è un governo di selvaggi, ma il Pd doveva parlare coi 5stelle”, intervista di Antonello Caporale al professor Aldo Masullo – già deputato del P.C.I. e successivamente senatore - pubblicata su “il fatto Quotidiano” dell’11 di giugno 2018: (…). “Domenica 3 giugno ero in casa in poltrona come rintronato dalla novità. Le immagini scorrevano e il nuovo mondo si presentava. Ho provato una enorme solitudine. Mi sono sentito perso. Il mio era lo straniamento di chi non ritrova non solo i volti, e questo è naturale, ma le parole, le movenze, le virtù e persino i vizi di una compagnia alla quale in qualche modo era abituato”.
Professore, lei sebbene col mal di pancia, ha votato Partito democratico. “L’ho fatto e ancora lo rifarei per il senso che io do alla parola fedeltà. La fedeltà non è una virtù privata o pubblica oppure un gesto romantico. So bene quali siano le pecche, quanti gli errori, e il numero dei narcisi e degli sprovveduti, degli arruffapopolo che sono transitati nel Pd. La fedeltà che ho tributato al mio partito di riferimento, dal Pci a tutti i suoi eredi, rappresenta lo sforzo continuo che noi facciamo per dare una durata alle nostre idee, conservare qualcosa che è avvenuto ieri. Nel deserto generale delle idee, la stabilità ideologica rappresenta per me un porto sicuro, un piccolo punto fermo”.
Altri elettori di sinistra, e se ne contano a milioni, hanno deciso diversamente da lei. “So bene. Perciò mi sarei aspettato che il Pd, invece di divenire spettatore muto, promuovesse anzi provocasse nell’immediato dopo voto un confronto con i Cinque Stelle. Io non avrei atteso la chiamata, avrei invece avanzato dei punti programmatici sui quali discutere. Forse non sarebbe accaduto nulla di strabiliante, ma avremmo acquisito una posizione dominante nel dibattito politico e non saremmo relegati al solo commento di uno scenario così lontano dalle nostre aspettative”.

martedì 12 giugno 2018

Primapagina. 97 “I pirati della «Carta» e le domande che premono”.


Da “Quel «contratto» e i pirati della Carta” di Salvatore Settis, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 2 di giugno 2018: (…). Lo Statuto Albertino (1848) sopravvisse cent’anni. Mussolini cercò di cambiarlo nominando una “Commissione dei Soloni”, antesignana delle commissioni di “saggi” per la modifica costituzionale di questi ultimi anni. Ma le modifiche proposte dai Soloni erano così tenui che il duce preferì soprassedere, e alterare l’ordinamento con una raffica di fascistissime leggi ordinarie, contando sul fatto che lo Statuto non lo vietava espressamente e sulla complicità del Re. I saggi di nuova generazione ci hanno propinato soloneggiando la riforma costituzionale Renzi-Boschi, bocciata dal referendum: perché, per nostra fortuna, la Costituzione repubblicana prevede una procedura rigorosa. Ma le voglie di cambiar tutto non si sono spente. C’è chi (come Renzi) sogna di rilanciare modifiche simili a quelle appena naufragate. C’è chi finge di dimenticare articoli cruciali della Carta, devastando la spesa sociale, la cultura, la sanità, la scuola, il diritto al lavoro (che in Costituzione ci sono) in nome dell’ossequio ai mercati (che in Costituzione non c’è). E c’è chi rispolvera adattandola ai tempi l’opposizione, formulata ai tempi dello Statuto Albertino, fra Costituzione formale e “Costituzione materiale”.(…). Alla luce di questa aberrazione strisciante la crisi istituzionale dei giorni scorsi rivela il diffuso ripudio della difesa della Costituzione che sembrò unire il Paese nel referendum del 4 dicembre 2016, e la riscrittura di una fantacostituzione a propria immagine e somiglianza da parte di molti attori politici e istituzionali. Di qui le crescenti e contrapposte anomalie della crisi dopo il 4 marzo. Per esempio (lo ha scritto sul Fatto Tomaso Montanari) “l’irresponsabile percorso di privatizzazione delle istituzioni repubblicane, culminato nel contratto fra Lega e Cinque Stelle”. Tale testo ripropone sì i consueti accordi fra partiti, che però non presero mai la forma notarile del contratto fra alleati che diffidano l’un dell’altro. Ma senza questa diffidenza non si capisce come mai al ruolo di presidente del Consiglio sia stato designato non (come vuole l’art. 95 della Costituzione) un responsabile in prima persona della politica generale del governo, bensì un “esecutore” di voleri altrui. Il dialogo fra presidente del Consiglio incaricato e Presidente della Repubblica (previsto dall’art. 92 della Costituzione) ne risultava compromesso. Da un lato un premier uno e trino, dall’altro un Capo dello Stato riluttante ad accettare la situazione. In questo scontro non di forze, ma di debolezze, la prova data dagli alleati giallo-verdi e da Mattarella con l’impuntatura sul nome di Paolo Savona è l’episodio più singolare. Nel governo Conte ci sono ministri assai discutibili, come Salvini che vorrebbe armare gli italiani e deportare i migranti. Ma è su Savona che abbiamo visto scontrarsi due opposte “Costituzioni materiali”: quella di chi nega al Capo dello Stato il diritto di discutere la scelta dei ministri che deve nominare e quella di un Presidente che invoca i mercati per sigillare un suo veto, che poi si rimangia spostando Savona di una casella sulla scacchiera del governo. E perché mai il Capo dello Stato dovrebbe impedire che un nuovo governo apra un negoziato sulle politiche di bilancio e di austerità in Europa? Contro queste politiche si sono pronunciati molti nostri governanti, anche l’allora presidente del Consiglio Renzi; ma senza trarne le conseguenze. E l’unica possibile interpretazione del risultato elettorale è che su questo fronte un altissimo numero di italiani si aspetta un governo capace non di uscire dall’euro, ma di negoziare un’Europa più giusta, essendone l’Italia non un servitore o una colonia, bensì uno dei principali componenti.

domenica 10 giugno 2018

Terzapagina. 32 “Al punto di non ritorno”.


Da “Al punto di non ritorno” di Massimo Cacciari, pubblicato sul settimanale L’Espresso del 3 di giugno 2018: (…). Temo si sia ormai giunti a un punto di non ritorno. E questo riguarda il linguaggio stesso della politica, quel linguaggio che è lo strumento essenziale con il quale possiamo comunicare, intenderci e fra-intenderci, quel linguaggio che è l’arma fondamentale della democrazia, poiché essa è tutta pervasa dall’idea che attraverso la parola ci si possa convincere, che il discorso possa argomentare sulla realtà delle cose in forme tali da essere più forte di ogni violenza o prepotenza. Questa crisi minaccia di rappresentare la tomba di ogni sforzo per rendere quanto più possibile ragionevole e responsabile il discorso politico. Si tratta di ben altro che della resa incondizionata alle forme di fumettistica gestualità dei social, che sotto la maschera della semplicità e trasparenza occultano perfettamente finalità e fattori della lotta politica.

venerdì 8 giugno 2018

Primapagina. 96 “Lettera aperta al Presidente del Consiglio”.


Da “Lettera a Conte sulla Costituzione” di Salvatore Settis, pubblicata su “il Fatto Quotidiano” dell’8 di giugno 2018: Signor presidente del Consiglio: ho letto con attenzione il Suo discorso al Senato e mi permetto di sottoporLe qualche domanda. Due aspetti del Suo testo mi hanno colpito: le fonti d’ispirazione e la gerarchia delle priorità. Sulle fonti d’ispirazione: Lei ha citato cinque volte (tutte appropriate) la Costituzione, nove volte (tutte superflue) il cosiddetto “contratto di governo”, un accordo privato fra leader di partito che la Costituzione non prevede. È ben vero che Lei si dichiara “consapevole delle prerogative che l’art. 95 della Costituzione assegna al presidente del Consiglio dei ministri”, ma due righe più sotto interpreta queste prerogative nel senso di “rendersi garante dell’attuazione del Contratto per il governo del cambiamento”. “Garante” è certo molto di più della qualifica di “esecutore” che Le è stata da altri affibbiata; ma Lei è proprio sicuro che “garante del contratto” corrisponda ai doveri costituzionali prescritti dall’art. 95, secondo cui il presidente del Consiglio “dirige la politica generale del governo e ne è responsabile”? Di tale “contratto” Lei, così ha scritto, ha “condiviso i contenuti – pur in via discreta – sin dalla sua elaborazione”. Non ritiene opportuno spiegare ai cittadini che cosa vuol dire “condividere in via discreta”, rispetto ai Suoi doveri costituzionali? E di precisare quando e dove e in che termini, nel Suo discorso, si esplicita la Sua promessa di “anticipare in quale direzione si esplicherà il Suo personale contributo”? Vengo al secondo aspetto. Forse perché segue la falsariga del cosiddetto “contratto”, il Suo discorso è organizzato per punti, offrendo una sorta di mappatura tematica dei problemi da affrontare, ma non una chiara gerarchia di priorità, ad esempio indicando il rapporto fra misure di riduzione della spesa pubblica (o di maggiore introito fiscale) da un lato, e di incremento della spesa dall’altro. Secondo molte analisi della situazione italiana, il consenso popolare ai partiti che sostengono il Suo governo è largamente dovuto all’insoddisfazione generalizzata per le politiche di austerità e di taglio della spesa sociale imposte dai governi precedenti in nome dell’Europa. Il Suo discorso contiene in merito affermazioni condivisibili, in particolare sul possibile ruolo dell’Italia nel re-indirizzare le politiche europee secondo principi di equità e di giustizia.

giovedì 7 giugno 2018

Quodlibet. 87 “Che fare del Pd?”.


Da “L’identità perduta” di Ezio Mauro, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 7 di giugno dell’anno 2016: Il buon vecchio "che fare?" dopo aver perseguitato la sinistra da più di cent'anni oggi dovrebbe modestamente essere aggiornato così: che fare del Pd? (…). Renzi ha scalato il partito non tanto per usarlo come un soggetto culturale e politico della trasformazione italiana, ma come uno strumento indispensabile per arrivare alla guida del governo. Giunto a palazzo Chigi, ha mantenuto la segreteria del Pd per controllare la sua massa politica di manovra e di voto, ma dando l'impressione di non saper più che farsene. Soprattutto, di non aver l'ambizione di guidarlo, ma soltanto di comandarlo. Ma i partiti, persino in questi anni liquidi, chiedono in primo luogo di essere rappresentati, e non soltanto indossati, perché non sono dei guanti. Il problema della rappresentanza comporta prima di tutto un atto di responsabilità di fronte alla storia che ogni partito consegna al leader temporaneamente alla guida. Bisogna avere il sentimento delle generazioni che passano, dei lasciti e degli errori, per caricarsi del peso della memoria rispettandola, sapendo che una forza politica è un soggetto collettivo che raccoglie intelligenze ed esperienze diverse, fuse in una tradizione comune che tocca legittimamente al leader impersonare secondo la sua cultura, il suo carattere e la sua personalità. Tutto questo cozza contro l'aspirazione di Renzi a presentarsi come un uomo nuovo, una sorta di "papa straniero" della sinistra italiana? (…). La domanda che ripetiamo da tempo è proprio questa: Renzi ha coscienza di far parte di una storia che ha tutto il diritto di innovare, anche a strappi e spintoni, ma che gli è stata consegnata come un patrimonio di testimonianza repubblicana, civile, democratica (insieme ad altre storie politiche concorrenti: e a molti errori) perché venga riconosciuto, aggiornato, arricchito e riconsegnato vitale a chi verrà dopo di lui? Questo è ciò che contraddistingue un partito rispetto ad un gruppo di potere e d'interesse, e distingue la leadership dal comando. Una forza come il Pd non si può amministrare nei giorni dispari e nei ritagli di tempo, né può essere affidata a funzionari delegati a funzioni da staff. Ha bisogno di vita vera, di uscire da quei tristi incunaboli televisivi del Nazareno, di prendersi qualche rischio di pensiero autonomo e di libera progettazione, per aiutare il governo e soprattutto se stesso, parlando al Paese. È difficile capire, al contrario, perché un politico ambizioso come Renzi si accontenti di guidare metà partito, rinunciando a rappresentare l'intero universo del Pd, che unito potrebbe essere ancora - forse - la spina dorsale del sistema politico e istituzionale italiano.

mercoledì 6 giugno 2018

Quodlibet. 86 “Il Pd non esiste, è una invenzione. O un rimorso”.


Da “Noi come l’ancien régime”, intervista di Silvia Truzzi a Barbara Spinelli pubblicata su “il Fatto Quotidiano” del 6 di giugno dell’anno 2013: (…). - L’urgenza è come i valori: ce ne sono di supremi, e il resto è relativo. L’urgenza, in Italia, sono i partiti totalmente inaffidabili e moralmente devastati; e la politica rintanata in oligarchie chiuse, che nemmeno ascoltano il responso delle urne. Se sopra tale marasma metti il cappello del capo forte, non solo congeli lo strapotere presidenziale, ma cronicizzi le malattie stesse che il presidenzialismo – ma attenzione: è un inganno – pretende di guarire. Il presidenzialismo dilata ovunque le oligarchie: ergo in Italia dilata la corruzione -.
Il capo dello Stato ha messo  una data di scadenza al governo, una cosa mai vista. Grillo ha  obiettato: “A che titolo dice queste cose?”. Lei che ne pensa? - Grillo ha perfettamente ragione: dove sta scritto che il presidente determina in anticipo, ignorando le Camere, la durata dei governi? Perfino a Parigi, dove tale prerogativa esiste – ed è grave che esista – l’Eliseo si guarda da dichiarazioni simili. In Francia il presidente è contemporaneamente presidente del Consiglio dei ministri. La stessa cosa ormai avviene in Italia: il presidenzialismo nei fatti c’è già. Questo governo è un Monti bis, con i politici dentro. E alla presidenza c’è Napolitano. Intendo presidenza del Consiglio, non della Repubblica -.
Così si sfalda il sistema delle garanzie e dei contrappesi costituzionali. - Salta completamente. E prefigura già la Repubblica presidenziale. Inoltre abbiamo un presidente della Repubblica-presidente del Consiglio che gode di privilegi extra-ordinari , che nessun premier può avere. Tanto più perniciosa diventa la storia delle telefonate tra Colle e Mancino sul processo Stato-mafia. Esiste dunque un potere che ha speciali prerogative e immunità, senza essere controllabile. La democrazia è governo e controllo. Perché Grillo dà fastidio? Perché è sul controllo che insiste -.
Il professor Cordero parlando di Berlusconi ha evocato spesso il “golpe al ralenti”. Gli  strappi di questi mesi suggeriscono la stessa idea: eppure l’informazione non ha quasi reagito. – (…). Ma sulle derive oligarchiche della democrazia, e sul tradimento degli elettori avvenuto con le larghe intese, stampa e tv sembrano intontite, se non ammaliate. Io insisto sempre molto sulla questione morale, intesa come dovere di non tradire la parola data. Ma son pochi a insistere. Perfino Fabrizio Barca, il più cosciente del naufragio del Pd, ha tenuto a precisare, interrogato su Berlusconi: “Teniamo separati il piano dell’etica e della politica”. Ma da quando in qua? -.

martedì 5 giugno 2018

Lalinguabatte. 57 “Il segretario è già uscito, non è in sede, arrangiati”.



Mi scriveva l’indimenticato, carissimo amico Franco L., prematuramente scomparso, in uno dei suoi ultimi, sempre attesissimi, appassionati e graditissimi commenti ad un mio post del 30 di dicembre dell’anno 2010: (…). Di fatto c’è già un nuovo ordine mondiale ma non sappiamo come sia; non possiamo guardare soltanto al nostro piccolo campicello e alla scellerata («scellerata» già allora, ma non gli è stato concesso dalla maligna sorte di vedere la politica di questi nostri giorni) condizione della politica del nostro paese;  bisogna volare più in alto, capire i processi globali, cercare di dare risposte ...serve aiuto per capire, base opportuna per ogni agire. Gli risposi che ero d’accordo, anzi d’accordissimo che ci fosse bisogno di “capire i processi globali”. Ma è che quei “processi globali” li aveva capiti, tanto tempo prima di quei tempi e dell’oggi, il grande vecchio di Treviri. E quindi non è che “non sappiamo come sia” il nuovo “ordine mondiale”. Anzi è un ordine vecchio, vecchissimo, l’ordine del sopraffattore sul più debole che accetta il nuovo ordine – nuovo si fa per dire - e viene sopraffatto. Quel vecchio grande nelle Sue opere, “Grundisse” in particolare ed in tanti altri punti del Suo “Capitale”, aveva vaticinato le truffe speculative della finanza allegra di questi tempi, truffe i cui danni sono stati ripiananti con le finanze pubbliche dei paesi occidentali. Scriveva Bruno Gravagnuolo sul quotidiano l’Unità del 31 di quel dicembre dell’anno 2010 nell’articolo “Buon Anno Nuovo, vecchio Dr. Marx”, articolo che era di presentazione di due interessanti biografie del grande vecchio di Treviri - Nicolao Merker “Karl Marx. Vita e opere” editore Laterza, pp. 257, € 18,00; Francis Wheen “Karl Marx. Una vita” Isbn, pp. 397, € 27,00 -  che quel grande vecchio aveva azzeccato un’altra profezia, ovvero “l’intensificazione del valore prodotto, tramite l’intensificazione tecnologica dei tempi di lavoro (più tempo di sfruttamento in meno tempo). E con meno addetti. Inoltre: la creazione di un immenso esercito di riserva flessibile per il lavoro capitalistico che tiene bassi i salari e in concorrenza virtuosa (per il capitalista). E ancora: l’intercambiabilità dei lavori, in un lavoro generale e «astratto» dove tutti fanno tutto e a poco prezzo nella costrizione continua di doversi riciclare. Dalla fabbrica, ai servizi, all’intrattenimento. Da ultimo, e qui l’«antica novità»: l’assottigliamento del ceto medio, passato dall’espansione degli anni di welfare alla minaccia dell’impoverimento. Col corollario invece dell’espansione del lavoro dipendente e multiuso, decentrato e delocalizzato, al punto di non sapersi più riconoscere come classe (e magari incattivito da ideologie populiste, localiste o fondamentaliste). Ebbene Marx conobbe, a modo suo e anticipò, queste cose.” Nulla di nuovo, quindi, sulla scena iniqua del mondo. La strategia globale è chiara; omologare ed omogeneizzare il mondo globalizzato del lavoro, dei prestatori d’opera, sui parametri più bassi, che non sarà, in quell’ottica, strumento di redistribuzione di redditi, ma soltanto impoverimento delle masse dei prestatori d’opera con conseguente arricchimento delle rendite finanziarie e non del capitale utilizzato negli investimenti produttivi. La domanda a questo punto sorge spontanea: le masse dei prestatori d’opera del mondo occidentale accetteranno di essere appiattite sui parametri retributivi resi al minimo dalle economie dei paesi emergenti e senza tutele del mondo del lavoro?