"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi

"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi
"Il bruco" (2017). Nikon Coolpix P900. Foto macro. Stato larvale della falena diurna "Macroglossum stellatarum" volgarmente detta "sfinge colibrì".

martedì 11 dicembre 2018

Terzapagina. 57 Nanni Moretti: «Io non sono imparziale».


Tratto da “Quando l’Italia era un rifugio”, intervista di Mario Calabresi a Nanni Moretti pubblicata sul settimanale il Venerdì del 30 di novembre 2018: (…). "Tutto è cominciato nella primavera dell'anno scorso, ero a Santiago per una conferenza e l'ambasciatore italiano mi ha raccontato dei due giovani diplomatici che decisero di accogliere i dissidenti politici. Ho scoperto una bella storia italiana di accoglienza e di coraggio, un esempio di come le singole persone possano fare la differenza. Era una storia dei miei vent'anni, allora ho ripensato all'importanza che aveva avuto in quel tempo l'esperienza cilena, la figura del presidente Allende e poi lo sconvolgimento del golpe. Così mi sono messo a lavorare, quaranta ore di interviste, non solo per parlare del Cile ma anche dell'Italia di allora, del Paese che più li aiutò".
Perché parlare del golpe in Cile oggi? "Mentre giravo me lo chiedevano spesso e non sapevo bene cosa rispondere. Poi, finite le riprese, è diventato ministro dell'Interno Matteo Salvini e allora ho capito perché avevo girato quel film. L'ho capito a posteriori".
Ci sono le testimonianze commosse di come i cileni venivano accolti con generosità, del lavoro nei campi in Emilia, in fabbrica a Milano, dei corsi di italiano, delle serate di musica andina per curare la nostalgia. Decisamente un'altra Italia. "Molti associano gli anni Settanta solo con il terrorismo, li si chiude nella definizione "Anni di Piombo", ma è un errore perché non sono stati solo questo ma tante altre cose. Devo dire che quei racconti mi hanno stupito, ho provato un raro momento di orgoglio nazionale. Al montaggio mi sono reso conto che, senza che lo avessi programmato, il film comincia parlando del Cile di allora e finisce parlando, involontariamente ma non casualmente, dell'Italia di oggi".
E tu cosa facevi allora? "Avevo appena compiuto vent'anni, andavo alle manifestazioni di solidarietà con il popolo cileno, con un po' di disincanto ma le ho fatte tutte".
Perché con disincanto? "Ero già un po' deluso da un'esperienza politica che si era consumata ed era finita l'anno prima. Negli ultimi anni del liceo ero stato in un gruppo extraparlamentare sì, ma "moderato"... Era un gruppo trotzkista libertario, meno dogmatico degli altri, che pubblicava una bella rivista che si chiamava Soviet". (…).
Comunque il gruppo si era sciolto, la rivista aveva chiuso e avevi anche lasciato la pallanuoto. "A 17 anni ero bravissimo, giocavo in serie A ed ero nazionale giovanile, ma ho abbandonato quando avrei dovuto insistere. Era come se fare politica e attività agonistica fossero cose incompatibili, nessuno te lo diceva ma questo era quello che sentivi. Lo sport, la politica, tutto mi sembrava già consumato e allora, finito il liceo, istintivamente mi sembrò che il cinema fosse il mezzo più adatto per buttare fuori quelle cose che avevo urgenza di comunicare agli altri e a me. Quando ci fu il golpe avevo appena finito di girare il mio primo filmino in Super 8. Si chiamava La sconfitta e raccontava la storia di un giovane militante extraparlamentare sullo sfondo di un'enorme manifestazione di metalmeccanici".
Perché per la tua generazione il golpe in Cile rimane il punto di svolta con cui leggere il mondo e la politica internazionale? "C'era una simmetria tra i due Paesi: Democrazia cristiana, Partito socialista, Partito comunista, consigli di fabbrica, sinistra socialista, sinistra rivoluzionaria (in Cile lo era davvero). Ci fu una identificazione immediata con la vicenda della sinistra cilena, per questo quel golpe ci colpì moltissimo. Era la fine di un sogno: la sinistra era andata al governo per la prima volta con libere elezioni, non con le armi. C'era una differenza enorme dalle altre esperienze socialiste, era un esperimento allegro e democratico e si stava cercando una soluzione originale che non fosse vicina all'esperienza sovietica o cinese, ma nemmeno a quella cubana. Colpisce nelle testimonianze che ho raccolto, durante le interviste, proprio l'allegria di quel periodo. Non ho fatto parlare esperti o storici ma persone che hanno vissuto sulla loro pelle quella vicenda. Persone che c'erano. Nelle loro voci si percepisce la sofferenza di quei giorni, la paura. Molti si commuovono e non riescono ad andare avanti nel racconto, dopo tanti anni è una ferita ancora aperta. E poi c'è il ruolo accertato degli Stati Uniti e di Kissinger nel colpo di Stato".
Nonostante questo hai scelto di dare voce anche ai militari. "Ne ho intervistati due che hanno storie molto diverse. Uno è stato militare tutta la vita e non è stato accusato di nulla, l'altro è stato invece condannato per omicidio e sequestro di persona e sta scontando la sua pena. Dicono cose opposte. Quello che sta in carcere dice "abbiamo obbedito agli ordini", l'altro sostiene che "non ci fu nessun ordine per le torture da parte della giunta militare" e anzi rivendica il golpe sostenendo che è servito a "reinstaurare la democrazia". Non volevo fare un documentario classicamente militante ma volevo dare la parola anche ai cattivi, mi ero fissato che volevo entrare in carcere per vedere e sentire come giustificavano quegli atti abnormi. Volevo capire umanamente come giustificassero l'atrocità del golpe".
Che clima hai trovato a Santiago? "Quando ho girato c'era ancora una presidente di sinistra, Michelle Bachelet, oggi anche lì ha vinto la destra e le cose stanno cambiando. Comunque ora in Cile si parla del colpo di Stato e della dittatura molto più che negli anni Novanta. Contemporaneamente al ritorno della democrazia ci fu una strana rimozione collettiva. Per poter andare avanti si diceva: non parliamo degli anni della dittatura, non provochiamo i militari, possono sempre tornare. Pensa che Pinochet, dopo il referendum perso nel 1988, ha continuato ad essere capo delle forze armate per dieci anni e senatore a vita fino al 2002. La cosa curiosa è che a Pinochet la destra ha perdonato tutto, in primo luogo le torture e le violazioni dei diritti umani, ma non di aver rubato. Ha perso l'appoggio della destra solo quando sono stati scoperti i conti all'estero".
Nel film sono continui i rimandi e le analogie tra i due Paesi, ne vedi anche oggi? "Oggi il Cile è diviso in due, si coltivano due memorie opposte. C'è gente che l'11 settembre, nell'anniversario del golpe, mette la bandiera sul balcone per celebrarlo. Così in Italia, dove fino a 25 anni fa c'era una memoria condivisa su antifascismo e resistenza. L'abbiamo persa negli anni di Berlusconi, da allora non c'è più un patrimonio di valori condivisi tra progressisti e conservatori e questo mi preoccupa perché, certo, ci si può dividere sulle scelte politiche ma non sui valori fondamentali. Oggi invece trionfa l'irresponsabilità, è molto in voga quel tratto arci-italiano di non prendersi la responsabilità di ciò che si dice e di ciò che si fa".
Siamo di nuovo tornati all'Italia di oggi, da molto tempo la tua voce non si sente. Come vedi il nostro Paese? "Ci sono forze politiche che vengono votate non nonostante la loro violenza verbale ma proprio perché ne fanno uso. La solidarietà, l'umanità, la curiosità e la compassione verso gli altri sembrano essere bandite. E questa è la cosa che fa più impressione, c'è uno slittamento progressivo ma inarrestabile verso la mancanza di umanità e di pietà. Ci si dimentica, quando si parla delle persone sui barconi in mare, che sono esseri umani. Spero non sia una strada senza ritorno".
Il consenso per Salvini, per un'idea di chiusura del Paese cresce. Esistono antidoti? "Salvini fa il suo lavoro di uomo di destra, di estrema destra, certo non europea e non tradizionalmente conservatrice, ma fa il suo mestiere. Sono le persone di sinistra che non riescono a fare il loro. Ho letto molti articoli sul rischio di estinzione del Partito democratico, eppure mai come oggi ci sarebbe spazio per una forza razionale, seriamente riformista ed europeista. Ma se poi loro esauriscono tutte le energie in piccoli battibecchi interni e questo diventa gran parte del loro lavoro politico, allora siamo perduti. I loro bisticci e capricci non interessano a nessuno. Devono tornare a parlare tra le persone, delle persone e con le persone".
Dove hanno sbagliato? "Per me è stata una cosa gravissima non aver nemmeno tentato di far passare la legge per la cittadinanza, il cosiddetto Ius soli, lasciando migliaia e migliaia di ragazzi italiani senza un'identità. È una macchia per la sinistra italiana, una battaglia di civiltà non fatta. Lo trovo incomprensibile e vergognoso. Sbagliato rincorrere la destra sulla sua agenda, cominciare a balbettare e ad avere paura anche della propria ombra. Non sono stati capaci di spiegare che una cosa erano gli sbarchi e un'altra dare la cittadinanza a bambini nati e cresciuti in Italia, bambini italiani. Hanno dimostrato non tanto che non erano di sinistra ma soprattutto che non erano capaci di comunicare, che non erano bravi a fare il loro lavoro. Lo stesso è accaduto con il reddito di cittadinanza: il Pd ha fatto una misura molto simile ma non lo ha saputo nessuno". (…).
Perché nel documentario appari così poco? Si sente la voce ma non ci sei. "In questa occasione non volevo esibirmi, non volevo essere protagonista".
Però ad un certo punto, durante l'intervista al militare che sta nel carcere di Punta Peuco, entri in scena e mentre lui sta dicendo che si augura che tu non dia giudizi sulla sua vicenda tu sbotti: "Io non sono imparziale". "Non era voluto, l'intervista era finita e quello era uno scambio di battute fuori onda. Oggi come allora non possiamo essere imparziali. Non ho mai sopportato l'idea che l'imparzialità, la terzietà sia un valore. Per troppo tempo si sono messe sullo stesso piano le goffaggini del centrosinistra e un uomo come Berlusconi che, per sua indole, era estraneo a una cosa chiamata democrazia e invece ogni tanto veniva considerato addirittura uno statista. Non sono imparziale sul golpe e non lo posso essere oggi. Non possiamo essere imparziali di fronte a quello che accade".
Nel tuo film come nelle tue parole c'è il richiamo al valore dei comportamenti individuali. "In Italia la colpa è sempre degli altri, non ci assumiamo mai le nostre responsabilità. Anche le folle che gridano "Onestà, onestà" stanno pensando agli altri che devono essere onesti, non a loro stessi. Invece ci vuole un'assunzione di responsabilità da parte di tutti, dei singoli. (…).
Da dove nasce questa tendenza? "So di non fare testo, perché non sono su Twitter e su Facebook, però credo che in questa arroganza ignorante di oggi la rete abbia svolto un ruolo, eccome se lo ha svolto, in questo odio per la competenza, per il sapere, per cui tutto è casta, tutto è élite da abbattere". (…).

lunedì 10 dicembre 2018

Riletture. 51«Il Partito democratico ha fatto di Tina il proprio motto».


Tratto da “Non siamo la sinistra del no, no, no” di Tomaso Montanari, pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 10 di dicembre dell’anno 2016: (…). Per molti italiani di sinistra, tra cui chi scrive, le cose (…) stanno così. Abbiamo votato sul merito della riforma, e abbiamo votato No perché essa proponeva (sono parole di un pacato costituzionalista, tutt’altro che antirenziano, come Ugo De Siervo) «una riduzione della democrazia».

domenica 9 dicembre 2018

Memoriae. 03 «Un paese che emargina, un paese rimbecillito da valori inutili».


Al tempo di questa “memoria” correva l’anno 2008, per essere più precisi correva la domenica del 28 di settembre di quell’anno, anno divenuto come remoto. A quel tempo il glorioso quotidiano che fu di Antonio Gramsci riportava nella Sua “striscia rossa” del 27  di settembre quanto Monsignor Vittorio Nozza, su “L’Osservatore Romano” del 26 di settembre, andava annotando: «Arrivano segnali crescenti di intolleranza da parte dei politici che alimentano un clima di violenza contro gli immigrati sfruttando insicurezze e paure del momento. A questa ondata xenofoba contribuiscono per altro voci culturali e dell’informazione che mettono in discussione principi istituzionali e diritti umani».