"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi

"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi
"Il bruco" (2017). Nikon Coolpix P900. Foto macro. Stato larvale della falena diurna "Macroglossum stellatarum" volgarmente detta "sfinge colibrì".

martedì 17 settembre 2019

Ifattinprima. 08 «Renzi rappresenta una forma provinciale e meno competente del berlusconismo».


Il “fatto” politico del giorno è, ovviamente, uno solo: l’abbandono del Pd da parte dell’uomo di Rignano sull’Arno e della sua schiatta. Me ne dava notizia stamane - come notizia allarmante - M. C. Le ho potuto solamente rispondere: “ora siamo pari. Arrivato lui nel PD ne sono uscito io”. Personalmente un pareggio, per l’appunto. Spariscono così dalle cronache e Conte e Salvini. L’uomo ha riconquistato le televisioni e le prime pagine. Continua a fare il suo mestieraccio. Quale? L’intrattenitore. Di quel mestierante ne ha tratteggiato un’immagine esaustiva Luca Bottura in “Matteo Renzi intrattenitore completo” sul settimanale L’Espresso del 28 di ottobre dell’anno 2018: “Un pensiero a chi pensa che il problema della sinistra è il mio carattere” (immagini di folla plaudente). Non fosse per il congiuntivo dalemiano, e per quella parola sostanzialmente estinta, sinistra, sarebbe difficile distinguere questo tweet da uno di Salvini. Mancano solo i bacioni. Invece, naturalmente, è figlio del senatore semplice di Rignano. Il cui storytelling, replicato a valanga dai fan social, che si muovono a stormi proprio come quelli governativi, è esattamente questo: criticavate Renzi solo perché non vi stava simpatico, ora beccatevi i giallobruni. Personalmente trovo Matteo Renzi simpaticissimo. Ancor di più da quando si è messo a fare il mio mestiere, cioè compitare battute più o meno sapide (“più” sono le sue, “meno” sono le mie) che illuminano questa surreale notte della Seconda Repubblica. Il talk show della Leopolda, a proposito di recensioni, era perfetto: scenografia, tempi, ospiti. Insulti, anche. Testi comici, pure. Scritti, recitati, isolati in brevi clip di ritwittare a nastro dal proprio account ufficiale: “Come si fa a criticare la Francia proprio nell’anno in cui hanno vinto i Mondiali e noi non ci siamo neanche qualificati?”. Un trampolino di lancio che verosimilmente porterà, nel giro di qualche mese, alla resurrezione politica del cosiddetto Giglio magico. Perché l’italiano, si sa, è un popolo fatto a mareggiata. Prima o poi rifluisce alla ricerca di rive conosciute. Specie se, ed è il caso in oggetto, la spiaggia si è allungata di chilometri per effetto dell’imminente tsunami provocato dal circo Conte. Proprio per questo, perché Renzi è simpatico, e perché dice una cosa platealmente non vera (non si perde il 22 per cento per colpa del carattere: e chi sei? Andrej Cikatilo?) che mi pregerei, ove concesso, di spiegare perché alcuni di noi - e manco so chi siamo noi, giuro - covano nel 2018 alcune perplessità che erano tali anche nel 2017. E nel 2016. E nel 2015. Più o meno quando qualcuno cominciò a significare che il Pd andava a sbattere, molto prima che accadesse e che gli incidentati dessero la colpa ai sensori di parcheggio. Del linguaggio ho scritto. Gufi e rosiconi è un copyright renziano. Salvini l’ha affinato a colpi di clava. Ma presentarsi come l’alternativa sorridente al cupore degli altri e additare i diversi pareri come frutto di invidia o della volontà di menar gramo è: 1) Diseducativo. 2) Porta acqua al mulino dell’aggressività altrui. Dei temi affrontati aggiungo ora. Le reprimende ai giornalisti, i muscoli mostrati all’Europa (indicata come il mostro che troppo prendeva e nulla restituiva), l’insistenza sullo Stato invadente - se la rottamazione delle cartelle non volete chiamarla condono, chiamatela sanatoria: ma quello è - il battere sui temi della sicurezza ogni 2x3 sono tutti stratagemmi difensivi, denotano subalternità culturale, seminano nel campo avversario. Dentro al quale hanno raccolto i postfascisti padani e i criptoautoritari del vaffanculo, che restano incompetenti come agli esordi ma hanno preso dimestichezza al potere, basti vedere Crimi in edizione Starace contro i giornali, e sono molto più pericolosi. Ma soprattutto è la ricerca del consenso nel breve che fotte - come credo dicesse Schopenhauer - i democratici. Se uno statista lavora per le prossime generazioni e un politico per le prossime elezioni, l’attuale popolo eletto (tutta: questo è il dramma) lavora per il prossimo like. Si cerca di recuperare l’adesione spicciola invece di lavorare per quella futura. Si vive, questo fa Renzi, in una gabbia competitiva che non solo obbliga a inseguire le prodezze social altrui (leggetevi i profili dei deputati e senatori Pd, cristosanto: la Ferragni è meno vanitosa) ma addirittura quelle del proprio partito. Martina presenta un Def alternativo? Renzi e Padoan mostrano il loro. Calenda lancia un fronte civico? Renzi vara il suo. Zingaretti si palesa? Fate entrare Minniti! Il tutto in un dentro e fuori dal Partito Democratico nel quale è previsto che la traversata nel deserto se la sciroppi il segretario pro tempore mentre quel che resta dell’opposizione, immobile, resta seduta sulla riva del fiume in attesa di veder passare il proprio cadavere. Per motivi di lavoro sono appena stato in Venezuela. Là ci sono già due parlamenti, una moneta sovrana con l’inflazione a scatto quotidiano, un populismo realizzato che fino all’altroieri i Cinquestelle indicavano come modello. Sembrava di stare, lì sì, nel “Ritorno al Futuro” dell’Italia di giovedì prossimo. Per evitare il quale, probabilmente, basterebbe che ognuno ricominciasse a fare il proprio: i simpatici provano a fare i simpatici, i politici si rimettono a fare politica. Ma il tristo personaggio aveva di già allarmato altri studiosi, commentatori ed opinionisti vari. Ritrovo nel mio archivio un brevissimo colloquio di Giampiero Calapà con Curzio Maltese - “Distrugge la Rai e il Paese, è peggio di Berlusconi” – pubblicato il 5 di agosto dell’anno 2015 su “il Fatto Quotidiano”: “No, non ci posso credere… ma sono davvero questi i nomi? Stai scherzando? (…). La televisione di Stato è il vero specchio del costume politico italiano, da sempre. Non abbiamo mai toccato il fondo così”.  
Maltese, sì, i nomi sono proprio questi: Siddi, Diaconale, Guelfi, Messa, Mazzuca,  Borioni e… Freccero. “L’unica cosa positiva è che Sel e Movimento cinque stelle abbiano votato il nome di un grande professionista. Certo mi chiedo di cosa potrà discutere al tavolo con questi altri… credo che si dimetterà molto presto, anche se lui magari adesso dirà il contrario”.
Insomma, questo consiglio   di amministrazione non convince neppure lei? “A parte Freccero, appunto, direi che è un Cda provinciale, Renzi rappresenta una forma provinciale e meno competente del berlusconismo”.
Siamo al “si stava meglio con Berlusconi”? “Questi nomi, voglio dire, sono il ritratto definitivo del renzismo. Siamo governati da una persona che dal punto di vista politico dimostra cento anni, altro che rottamazione. È talmente vecchio che non durerà, perché anche nel male bisogna avere spessore, da Mussolini ad Andreotti fino a Berlusconi. Renzi non ha un briciolo di spessore, è il nulla”.
Maltese, è molto duro, come crede che finirà questa televisione pubblica? “È tristissimo perché in tutta Europa si discute su come riformare il servizio pubblico televisivo e si parla di contenuti. In Italia ci avvitiamo sempre sulle poltrone e il risultato in questo caso è il provincialismo spinto di Renzi. Che le devo dire? Distruggere un’azienda pubblica in questo modo… Nemmeno Berlusconi ci è riuscito, pur impegnandosi, ma ha capito che anche la Rai tornava utile a un certo punto. La rottamazione tanto propagandata da Renzi è finita per essere nient’altro che una lottizzazione senza vergogna. Vede, Giorgio Bocca mi diceva sempre che Mussolini aveva cominciato cooptando i migliori al regime. Questo mette i peggiori nei posti che contano. (…).

lunedì 16 settembre 2019

Cronachebarbare. 70 «Storditi dall’intrattenimento, siamo protetti».

Scrive Chiara Valerio in “Protezione”, pubblicato sul settimanale L’Espresso del primo di settembre 2019: “Storditi dall’intrattenimento, siamo protetti. Ecco io penso che l’unica difesa alla dittatura dell’intrattenimento – perché di questo si tratta, dittatura – sia la lettura. Il lettore, come chi studia, è capace di, è esercitato a, stare da solo. Chi sta da solo è politicamente complesso perché appunto non deve essere intrattenuto, e non può essere la malta del cunicolo dell’intrattenimento. Chi sa stare da solo si intrattiene da solo, con i propri modi e i propri tempi, sfugge alla dittatura. L’intrattenimento di Stato, al quale per esempio abbiamo assistito durante tutto il mese di agosto, è una violenta forma di negazione del tempo, dunque di costrizione, dunque un altro tassello della tana nella quale non si può fare altro che temere e morire”. Sottratti come siamo ai “doveri” della lettura e dello “studio” è facile, facilissimo anzi, che i conducator riescano a piazzare le loro parole d’ordine. Che sono parole vuote, senza senso, a denuncia di menti disturbate. Ché solo “l’intrattenimento” – come denuncia Chiara Valerio - è il loro orizzonte morale ed intellettuale. È facile allora per il mestatore di turno immaginare un popolo a sua perfetta somiglianza. Come infinite “maschere bianche”. Tutte eguali, senza un soffio di soggettività nella esistenza resa piatta dagli invocatori dei “pieni poteri”. Immaginate quel popolo riempire le piazze, osannare il conducator autoinvestitosi – o quasi, come la Storia non disdegna d’insegnare - dei “pieni poteri”, invocarlo come uomo della “provvidenza”! L’immagine proposta per questo post, un popolo amorfo, una sola maschera uguale per tutti, sessanta milioni di esseri senza storia, è sempre stato il sogno di tutti coloro che accarezzano la presa del potere per il potere. Ha scritto Paolo Boccardelli - direttore della “Luiss Business School” ed ordinario di “Management e Strategie d’Impresa” della “Luiss Guido Carli” - in “Nelle mani di un algoritmo che decide al nostro posto” – pubblicato sul settimanale “A&F” del 2 di settembre che “è necessario, (…), nutrire la nostra società con l’abilità fondamentale per il nostro tempo: il pensiero critico. Il pensiero critico si alimenta con l’apprendimento continuo, vive di domande e non di risposte preconfezionate; è alleato del dubbio e non delle certezze di pochi; si arricchisce grazie alle opinioni degli esperti veri e non presunti, si basa su dati e analisi rigorose, realizzate con metodi scientifici e presentate in modo appropriato nelle sedi corrette. In definitiva, il pensiero critico si nutre della conoscenza approfondita e non della superficialità”. Ecco la “condanna” del nostro tempo: “la superficialità”. Che torna comoda ai piazzisti ed ai saltimbanco delle nostre piazze, piazze reali o solamente mediatiche. Ha scritto Michele Serra in “Prima regola: parla per te” del 9 di settembre, sul quotidiano le Repubblica:

sabato 14 settembre 2019

Cosedaleggere. 01 «Così è iniziato il capitalismo di sorveglianza».


Tratto da "Lotto perché Internet torni di nuovo libero. Zuckerberg? Si pentirà", colloquio di Roberto Saviano con Edward Snowden pubblicato sul quotidiano la Repubblica del 13 di settembre 2019:  (…). Saviano. Edward, quindi non c'è modo di difendere la propria privacy? "Non puoi pensare che non ti interessa la privacy perché non hai nulla da nascondere, sarebbe come dire che non ti interessa la libertà di stampa perché non ti piace leggere o che non ti importa della libertà di culto perché non credi in Dio. La privacy è l'espressione individuale di un diritto collettivo. Ma quando costruiscono un sistema che cataloga, immagazzina, sfrutta gli scambi tra esseri umani, per usarli contro di noi, devi stare in guardia e chiederti: e ora cosa ci succederà? (…).