"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi

"Il bruco (2017)". Foto di Aldo Ettore Quagliozzi
"Il bruco" (2017). Nikon Coolpix P900. Foto macro.

venerdì 5 gennaio 2018

Terzapagina. 10 “Patria&sinistra”.



Da “Pure a sinistra serve l’amor di patria” di Maurizio Viroli, pubblicato su “il Fatto Quotidiano” del 4 di gennaio 2018: (…). Sinistra e patriottismo sono tradizioni politiche e ideali che, nella nostra storia, in pochi casi hanno camminato insieme; spesso si sono guardate con reciproca diffidenza o apertamente combattute. La sinistra di ispirazione marxista e internazionalista ha sempre considerato il patriottismo una delle tante maschere che la borghesia ha indossato per ingannare il popolo, coprire i propri interessi, giustificare l’espansione coloniale; la sinistra di ispirazione cristiana lo ha giudicato un’ideologia che offende l’ideale della pace e della fratellanza dei popoli; la sinistra d’ispirazione illuministica lo ha disprezzato come una cultura rozza in contrasto con il cosmopolitismo illuminato dalla ragione. Con il bel risultato di avere una sinistra inetta a rappresentare le aspirazioni dei molti che si sentono e vogliono restare italiani e un patriottismo degenerato in nazionalismo nemico degli ideali di libertà e di giustizia sociale, razzista, inebriato di idee di falsa grandezza. Se invece la sinistra abbracciasse finalmente, con sincera convinzione nata da una seria riflessione storica e ideale, la migliore tradizione del patriottismo italiano, si candiderebbe ad essere davvero forza di governo, e non forza di occupazione del governo, e potrebbe soprattutto tentare l’ardua, ma grande, impresa della rinascita civile dell’Italia. Provo a sostenere queste affermazioni con qualche argomento (…). Chiarisco, in primo luogo, che quando parlo della migliore tradizione del patriottismo opero una precisa distinzione fra le varie teorie e scelgo quella che meglio di ogni altra ha saputo interpretare il concetto di patria italiana come ideale di libertà e di giustizia sociale che comanda il rispetto di tutti i popoli e impone di sostenere la lotta degli oppressi contro i padroni del mondo ovunque, chiunque essi siano. Mi riferisco, com’è ovvio a Giuseppe Mazzini che ci ha lasciato una teoria dell’amor di patria che anche i più autorevoli critici del patriottismo oggi riconoscono come una valida visione per la lotta contro le diseguaglianze sociali; a Carlo Rosselli che capì meglio di altri quale tragico errore commisero socialisti e comunisti a rinnegare il sentimento popolare dell’amor di patria; a Alcide De Gasperi che rammentava ai cristiani che “il nostro patriottismo non nasce dall’odio, ma dall’amore. Nasce dall’amore, cioè dal dovere della solidarietà e della fraternità”; al presidente Carlo Azeglio Ciampi che con le sue parole seppe fare ritrovare a tanti giovani, l’ho constatato di persona, il vero significato dell’amor di patria. Soltanto chi ha questo amor di patria ha la legittimità morale per governare. Chi non l’ha può, tutt’al più, occupare il governo. A meno che qualcuno mi spieghi come può fare il bene dell’Italia chi non l’ama e ami in primo luogo il proprio tornaconto o, il che è quasi paggio, il proprio partito. Amare la patria secondo i maestri che ho citato (e tanti altri potrei menzionare) vuol dire volere il bene dell’Italia consapevoli dei suoi vizi storici ma anche delle sue energie morali e intellettuali; volere che sia libera, che non sia dominata da padroni, che difenda i diritti dei cittadini ed esiga il rispetto dei doveri, che sappia premiare chi merita di essere premiato e punito chi merita di essere punito, che sappia essere rispettata dai popoli del mondo perché giusta e generosa. Ho sostenuto, infine, che soltanto una sinistra guidata dall’amor di patria può tentare l’impresa della redenzione civile dell’Italia perché i popoli rinascono quando i loro cittadini migliori sanno ispirare e stimolare nuove energie morali. Il mio, per quel che vale, è ragionamento da realista: per ispirare e stimolare energie morali occorrono esempi del passato da citare, miti da riscoprire, eventi da evocare, pagine da rileggere insieme. Tutto questo potrebbe trarre con poca fatica chi sapesse e volesse imparare la lezione dei nostri migliori patrioti, a condizione che abbia animo grande e passione sincera per la libertà. Chi non crede nella forza delle memorie e degli esempi non conosce la storia. A dare ai nostri migliori antifascisti la tenacia per lottare e sacrificarsi nella lotta contro il regime di Mussolini (sostenuto da quell’essere spregevole che fu Vittorio Emanuele III) furono in buona misura le memorie del Risorgimento. Il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti aveva fra i suoi riferimenti ideali il Presidente Lincoln. Dimenticare chi ha sofferto perché noi potessimo vivere liberi, oltre ad essere scelta da dissennati, è comportamento da ingrati. Gli ingrati non redimono la patria; la uccidono.

Nessun commento:

Posta un commento